rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Truffa all'Asl FG, aghi acquistati a 'peso d'oro': stangata maxi risarcimento, in 4 dovranno pagare 1 milione di euro

Inchiesta aghi d'oro: la Corte dei Conti ha condannato quattro persone ad un maxi risarcimento per un milione di euro quasi. L'azienda aveva comprato prodotti medici a prezzi elevatissimi senza mai usarli

Aghi d’oro all’Asl di Foggia, la Corte dei Conti condanna quattro protagonisti della vicenda ad un maxi risarcimento di 900mila euro. Ne dà notizia oggi la Gazzetta del Mezzogiorno. Nello specifico, Nazario Di Stefano, funzionario amministrativo e ritenuto perno della truffa ai danni del Servizio Sanitario nazionale, dovrà risarcire la Asl per 668mila euro, il dirigente degli appalto Savino Inchingolo 79mila euro; 124mila euro sono a carico dell’allora subcommissario della Asl, Raffaele Granatiero, 16mila euro il dirigente Silvano Lamedica. I primi tre erano stati condannati anche in sede penale.

L’inchiesta è quella risalente al 2011 che portò i Carabinieri del Nas di Bari a scoprire l’acquisto da parte della Asl di Foggia di 149 tagli aghi al costo esorbitante di 3200 euro l’uno. Il danno fu quantificato in 1,5 milioni di euro. Ma l’indagine si allargò anche alle confezioni monouso e ai sistemi informatici di telemedicina comprati a 30mila euro e rivenduti alla Asl a 200mila. Secondo l’accusa - che contestava a vario titolo l’associazione a delinquere finalizzata a falso, truffa e corruzione - si trattava di beni inutili o comunque mai utilizzati, acquistati attestando falsamente l’urgenza ma in realtà in cambio di tangenti o altri regali a funzionari e dirigenti della Asl.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa all'Asl FG, aghi acquistati a 'peso d'oro': stangata maxi risarcimento, in 4 dovranno pagare 1 milione di euro

FoggiaToday è in caricamento