Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Sanitari nel mirino, aggressioni ai Cup e negli ospedali: "È ora di istituire una vigilanza reale"

Questi il grido di allarme e la richiesta di Giovanni Dalessandro della FP Cisl di Foggia: "Non è pensabile che chi lavora rischiando il contagio tutti i giorni debba subire violenza fisica ed aggressioni inaccettabili"

Immagine di repertorio

“Basta aggressioni al personale sanitario nei plessi ospedalieri foggiani e della provincia. E' ora di potenziare la vigilanza per tutelare le lavoratrici ed i lavoratori che in mesi drammatici come questi non hanno mai fatto mancare il proprio apporto in prima linea!”.

Questi il grido di allarme e la richiesta di Giovanni Dalessandro della FP Cisl di Foggia. “Sono tristemente noti i ripetuti episodi che si sono succeduti, in questi giorni di piena pandemia, ai danni dei dipendenti di Sanitàservice impegnati sul fronte del rispetto della Regole Anti Covid, come l’aggressione ad una dipendente presso il presidio ospedaliero di via Masselli a San Severo, poi quella avvenuta quattro giorni fa presso il Cup di Manfredonia e quella del giorno successivo presso il Cup di San Severo, ingresso di viale Due Giugno", spiega.

"Basta, non è pensabile che chi lavora rischiando il contagio tutti i giorni debba subire violenza fisica ed aggressioni senza senso e inaccettabili. E’ ora di istituire una vigilanza reale e protettiva verso il personale - rimarca Giovanni Dalessandro - Non solo, come FP Cisl di Foggia chiediamo maggiore rigore nell’applicazione dei protocolli in entrata nei plessi ospedalieri ed il più rigoroso rispetto delle regole in tutte le strutture Asl, al fine di evitare aggressioni e violenza di ogni tipo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanitari nel mirino, aggressioni ai Cup e negli ospedali: "È ora di istituire una vigilanza reale"

FoggiaToday è in caricamento