Aggressioni e minacce di morte nel carcere sovraffollato e con pochi poliziotti (di Foggia): "Dotarli di taser"

Aggredito sostituto commissario da un detenuto straniero e minacce di morte a poliziotto penitenziario da parte di un recluso italiano

Altri due gravi episodi si sono verificati nel carcere di via delle Casermette a Foggia. Lo denuncia il segretario generale nazionale del sindacato autonomo del Co.S.P. Mimmo Mastrulli, che riferisce di una aggressione a un sostituto commissario da parte di un cittadino straniero che gli ha provocato lesioni guaribili in otto giorni e di minacce di morte da parte di un detenuto italiano a un altro poliziotto penitenziario. 

La questioni del carcere di Foggia  - come quella del sovraffollamento - sono state già oggetto di un incontro con il sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morron: "Anche per inerzia di chi persiste al vertice regionale e centrale, dopo la mobilità dei dirigenti, l'istituto penitenziario si ritrova senza un direttore titolare ma anche senza un vice. Mancano circa 80 unità di polizia e 15 unità del Comparto Funzioni centrali Area Contabile ed Educativa. Mastrulli ha chiesto l’equiparazione della polizia penitenziaria alle altre Forze Armate e di Polizia dello Stato, considerando i ritardi ordinamentali in discussione, come il rinnovo del CCNL scaduto il 31/12/2018, maggiori competenze alla polizia penitenziaria e l’uso del Taer per i poliziotti che devono esclusivamente operare all'interno delle carceri contro criminalità e terrorismo, l’ampliamento dell’organico della polizia penitenziaria attraverso l’immissione di circa 3mila 500 unità nel biennio 2019/2021. 

Infine il Co.S.P. chiede una maggiore attenzione verso la medicina penitenziaria in relazione alla presenza e al trattamento di detenuti affetti da patologie psichiatriche. “Mai piu una polizia penitenziaria di serie B. Chiediamo maggiore attenzione sul preoccupante fenomeno delle aggressioni e dell’elevato numero dei suicidi”. 

Il Coordinamento sindacale penitenziario ha presentato  alla IV e V Commissione Affari Costituzionali del Governo un pacchetto di proposte tese a migliorare la situazione all’interno delle carceri italiane. Tra queste anche l’ipotesi di chiusura dei piccoli penitenziari al fine di riorganizzare il personale e sopperire alla cronica carenza d’organico nelle strutture più grandi. Il sindacato autonomo si  è fatto promotore di un nuovo  piano di  riordino delle carriere e data la situazione di emergenza, il condono di tutte le sanzioni disciplinari negli ultimi 5 anni subite dai poliziotti penitenziari.  Il  sindacato rivendica inoltre parità di diritti e di accesso agli atti quali prerogative sindacali previste dalla Costituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • San Severo, esplosione nella fabbrica di fuochi Del Vicario: c'è un ferito. Il sindaco: "Preghiamo per Luciano"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento