Cronaca

Ragazzino violento a Foggia, riempie di botte volontari di un oratorio e insulta gli ospiti di colore: ha 15 anni

Gli era stato impedito di tornare in oratorio per sei mesi. E' tornato e ha reagito violentemente scagliandosi contro l’uomo, facendogli un occhio nero e provocandogli lesioni al viso

Prosegue l'attività di identificazione da parte degli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Minori della Divisione Anticrimine della Questura di Foggia nei confronti di minori che si sono resti responsabili di comportamenti violenti in città, anche se non riconducibili ad atti commessi da baby gang, come ribadito nei giorni scorsi anche dal procuratore della Repubblica Ludovio Vaccaro.

Si tratta di un ragazzo di 15 anni che il mese scorso si è reso responsabile di ingiurie e percosse nei confronti di un operatore volontario 60enne di un oratorio, che era stato diffidato a frequentare a causa di sue precedenti condotte.

Più volte aveva assunto comportamenti aggressivi nei confronti di coetanei e ragazzini più piccoli, aveva ingiuriato gli ospiti di colore dell’oratorio, in un’occasione aveva colpito con calci e pugni il responsabile. In seguito a tale evento era stato diffidato dal farvi ritorno per sei mesi.

Malgrado ciò, incurante del divieto, si è ripresentato in oratorio e quando un operatore volontario della struttura lo ha invitato ad allontanarsi, ha reagito violentemente scagliandosi contro l’uomo, facendogli un occhio nero e provocandogli lesioni al viso.

Il gesto è da inquadrare in un contesto socio-familiare difficile. Dopo la convocazione dei genitori presso l'Ufficio Minori della Questura di Foggia, è seguita la segnalazione all'Autorità giudiziaria minorile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzino violento a Foggia, riempie di botte volontari di un oratorio e insulta gli ospiti di colore: ha 15 anni

FoggiaToday è in caricamento