Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Pasquale, il ritorno a casa dopo la feroce aggressione: "Me la prendo con i genitori". La figlia: "Siamo ancora scossi"

A FoggiaToday parla Pasquale Concilio, l'uomo aggredito al Rione Martucci da un gruppo di ragazzini dai 13 ai 14 anni

 

Pasquale Concilio parla dopo l'aggressione subita domenica scorsa nei pressi della sua abitazione al Rione Martucci di Foggia da parte di un gruppo di ragazzini tra i 13 e 14 anni, ai quali aveva chiesto di allontanarsi dal porticato della sua abitazione, precisando che si tratta di adolescenti che fanno sistematicamente rumore, urlano e bivaccano senza poi ripulire.

Ai microfoni di FoggiaToday la vittima ricorda quei drammatici momenti: due calci, una violenta spinta, la rovinosa caduta e le ferite. "Li riconoscerei" aggiunge, "non si fanno più vedere, ma me la prendo con i genitori". 

"Non è stata una bella esperienza, tutt'oggi a distanza di due giorni siamo ancora scossi" ha detto la figlia della persona aggredita, che non augura a nessuno di vivere l'infelice esperienza di "vedere un padre a terra in quelle condizioni". 

La famiglia non cerca giustizia, ma, precisa la donna, "vogliamo che le famiglie prendano coscienza dell'accaduto e riescano a tenere sotto controllo i propri figli, a dare un'educazione e ad evitare che queste situazione possano verificarsi ancora".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento