Poliziotti aggrediti in Questura: 21enne urla, strattona gli agenti e si scaglia contro (gli era stato negato il permesso di soggiorno)

Un extracomunitario del Gambia è stato condannato a quattro mesi per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. La commissione per il riconoscimento della protezione internazionale gli aveva negato il permesso di soggiorno

Foto di repertorio

Un giovane extracomunitario di 21 anni, proveniente dal Gambia, si è reso responsabile di un’aggressione nei riguardi di alcuni agenti dell’ufficio Immigrazione all’interno dei locali della Questura. 

Intorno alle ore 13 di lunedì scorso il ragazzo si è recato in via Gramsci dove era stato convocato per la notifica del provvedimento di rifiuto del permesso di soggiorno a seguito di diniego espresso, nel decorso mese di gennaio, dalla commissione per il riconoscimento della protezione internazionale.

Reso edotto del contenuto del provvedimento, anche grazie all’intervento di un mediatore culturale, l’uomo si è rifiutato di sottoscriverlo ma ne ritirava una copia. Subito dopo, improvvisamente, andava in escandescenza cominciando ad inveire contro gli operatori del settore ed ha iniziato a strattonare due poliziotti.

Veniva fatto calmare e gli veniva spiegato che avverso il provvedimento avrebbe potuto fare ricorso. Pur tuttavia, mentre stava varcando la porta d’uscita della Questura per andarsene, è ritornato sui suoi passi ed ha iniziato ad urlare contro gli Agenti presenti pretendendo che gli venisse rilasciato il permesso di soggiorno, per poi scagliarsi contro due di essi che rimanevano contusi nella colluttazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo veniva bloccato da altri Poliziotti presenti, dichiarato in arresto per i reati di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e tradotto in carcere su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di turno. Nell’udienza tenutasi ieri mattina davanti al Tribunale di Foggia l’arresto dello straniero è stato convalidato e, contemporaneamente, l’uomo è stato condannato a 4 mesi di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento