Cronaca

Addetta di Sanitaservice aggredita in ospedale, buttata a terra per aver chiesto il rispetto della fila: "E' inaccettabile"

L'aggressione all'ospedale Masselli Mascia di San Severo. Indagano gli agenti del commissariato di polizia di San Severo

Attimi di tensione questa mattina presso l'ospedale Masselli Mascia di San Severo, dove una dipendente di Sanitaservice impegnata a far rispettare la fila e a rilevare la temperatura corporea degli utenti, è stata aggredita da due persone, tra cui una donna.

Stando ad una primissima ricostruzione dell'accaduto, sul quale indagano gli agenti del commissariato di San Severo prontamente intervenuti sul posto, l'assistente socio-sanitaria è caduta a terra e ha perso conoscenza dopo esser stata prima strattonata e poi spintonata con violenza in seguito ad un feroce diverbio.

Una reazione violenta e inaudita accompagnata dalle urla scaturita in seguito alla richiesta della vittima di rispettare la fila. Sul posto è intervenuta un’ambulanza del 118 arrivata da Castelnuovo della Daunia.

“Vogliamo esprimere la nostra piena solidarietà all’addetta di Sanità Service. Siamo di fronte all’ennesimo atto violento e inaccettabile contro chi svolge il proprio lavoro in ambito sanitario”, ha dichiarato Mario La Vecchia, segretario provinciale della FP Cgil.

“La signora è rimasta a terra, tra l’indifferenza, mentre il lavoro del cup è andato avanti. Occorre che l’azienda sanitaria ponga in essere azioni per tutelare maggiormente l’incolumità di chi lavora subendo la pressione sempre più esasperata, e troppo spesso violenta, di chi si reca nelle strutture sanitarie. Con il Covid-19, e le tensioni crescenti causate da ospedali al collasso, la situazione è ulteriormente peggiorata. Quanto successo stamattina è inaccettabile”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addetta di Sanitaservice aggredita in ospedale, buttata a terra per aver chiesto il rispetto della fila: "E' inaccettabile"

FoggiaToday è in caricamento