rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Cerignola

Malore in pronto soccorso per un medico, aggredito dai parenti di una paziente

I parenti reclamavano maggiori attenzioni e celerità negli accertamenti sanitari. La vicenda è all'attenzione dei carabinieri

Nervi tesi e parole grosse al pronto soccorso di Cerignola, dove un medico in servizio è stato vittima di una aggressione verbale da parte dei parenti di una paziente. Il fatto è successo nel pomeriggio: una famiglia composta da tre persone (padre, madre e figlio) è giunta al pronto soccorso del ‘Tatarella’ per un malore accusato dalla donna, valutata al triage con un codice verde.

L’attesa però avrebbe scatenato l’ira dei parenti, che reclamavano maggiori attenzioni e celerità negli accertamenti sanitari. Gli animi si sono quindi scaldati e sono volate parole grosse: il medico ha accusato un malore, ed ha dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari. La vicenda è ora all’attenzione dei carabinieri. 

“Esprimo tutta la mia vicinanza per l'aggressione subita quest'oggi al pronto soccorso di Cerignola. Premesso che i gesti di violenza vanno sempre condannati, ritengo che lo stress e la disorganizzazione a cui vengono sottoposti personale sanitario e pazienti siano un problema serio di cui la Regione Puglia e l'Asl Foggia debbano occuparsi immediatamente. Non si può più far finta di niente”, stigmatizza il consigliere comunale Rino Pezzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore in pronto soccorso per un medico, aggredito dai parenti di una paziente

FoggiaToday è in caricamento