Pretendono cure immediate e senza attese, medico e infermiera aggrediti al Pronto Soccorso

Due episodi diversi, stessa violenza perpetrata all’interno del medesimo luogo: il pronto soccorso dell’ospedale ‘Tatarella’ di Cerignola. La condanna del direttore generale dell'Asl Foggia, Vito Piazzolla

Immagine di repertorio

Medico e infermiera aggrediti durante i rispettivi turni di lavoro in pronto soccorso. Due episodi diversi, stessa violenza perpetrata all’interno del medesimo luogo: il pronto soccorso dell’ospedale ‘Tatarella’ di Cerignola.

Sull’accaduto ha preso la parola il direttore generale della Asl Foggia, Vito Piazzolla, che ha espresso solidarietà, a nome di tutta l’Azienda Sanitaria Locale, al dott. Luigi Zoppo e alla infermiera Antonella De Vito, vittime di aggressione mentre erano in servizio presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “Tatarella” di Cerignola.

“Una violenza - ha detto Piazzolla - che non trova alcuna giustificazione plausibile, ma solo una ferma condanna”. Il primo episodio ieri pomeriggio quando, durante lo svolgimento delle sue mansioni, il dottor Zoppo è stato aggredito, verbalmente e fisicamente, da una donna che pretendeva assistenza immediata per la propria figlia, indipendentemente dalle attività già in atto verso altri utenti. Sono in corso accertamenti sulla dinamica dei fatti. La Direzione Medica di Presidio ha chiesto a tutto il personale che ha assistito all’aggressione di fornire una relazione dettagliata.

Il secondo episodio risale a questa mattina. Solo l’arrivo delle forze dell’ordine ha scongiurato che l’aggressione verbale alla infermiera De Vito avesse conseguenze peggiori. “Ci troviamo di fronte all’ennesimo - ha concluso Piazzolla - inaccettabile atto di prevaricazione ai danni di personale sanitario, chiamato a svolgere una delicata funzione al servizio della tutela della salute. Queste aggressioni devono indignare, ma non fermare l’attività di tutto il personale che, quotidianamente, esercita le proprie funzioni per il bene della comunità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Direzione Strategica ha garantito che l’Azienda fornirà tutte le tutele legali e si costituirà parte civile nell’eventuale procedimento a carico degli aggressori. La Direzione convocherà, inoltre, un tavolo inter istituzionale con le forze dell’ordine per stabilire strategie comuni, volte a garantire l’incolumità degli operatori che svolgono le proprie mansioni in una realtà così complessa come quella del sistema dell’emergenza-urgenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento