Caos al Pronto Soccorso, "non può entrare più di un parente per volta!": 33enne va su tutte le furie e aggredisce infermiera

Per la donna, un grande spavento e una prognosi di 5 giorni; l'uomo, invece, foggiano di 33 anni, è stato denunciato a piede libero per minacce e lesioni

Immagine di repertorio

"Non può entrare più di un parente per volta". Questo l'annuncio che avrebbe mandato su tutte le furie un giovane uomo, nella sala d'attesa del Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia.

Erano da poco passate le 23 di ieri, quando il giovane ha iniziato ad inveire contro l'infermiera che cercava di regolare l'ingresso parenti delle stanze degenti; dopo le minacce, lo stesso avrebbe iniziato a strattonarla e spintonarla con violenza, tanto da richiedere l'intervento della polizia sul posto.

Per l'infermiera, un grande spavento e una prognosi di 5 giorni; l'uomo, invece, foggiano di 33 anni, è stato denunciato a piede libero per minacce e lesioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento