Ventunenne nel mirino di una baby-gang: prima l'aggressione in strada, poi l'incendio della porta di casa

E' successo in via Capozzi, a Foggia. Il ragazzo ha riportato una ferita alla testa; la madre, alla vista delle fiamme, si è lanciata dal balcone in preda al panico. Entrambi sono stati portati in ospedale ma le loro condizioni non destano preoccupazioni. Sul fatto indaga la polizia

Prima l'aggressione, poi l'incendio della porta d'ingresso della propria abitazione.

E', in breve, quanto accaduto nella tarda serata di ieri, in via Capozzi, a Foggia. Vittima dell'accaduto è stato un ragazzo di 21 anni: il giovane, è emerso, avrebbe litigato con un gruppo di giovani, tra cui anche alcuni minorenni. Dalle parole si è passati ai fatti: nella colluttazione, il ragazzo è rimasto ferito alla testa, ma è riuscito a fuggire e a tornare a casa.

Il gruppo, però, lo ha inseguito e, giunti davanti alla porta di casa, a piano rialzato, hanno incendiato la porta d’ingresso. Davanti al fumo e alle fiamme è scattato il caos: la madre del ragazzo, di 56 anni, in preda al panico si è lanciata dal balcone, da un’altezza di un paio di metri, e ha battuto a terra con un fianco. Madre e figlio sono stati trasportati al pronto soccorso per medicare le ferite. Le loro condizioni non sono gravi. Sul posto, insieme ai vigili del fuoco, anche gli agenti della polizia che hanno avviato le indagini del caso per individuare gli aggressori.

Si parla di

Video popolari

Ventunenne nel mirino di una baby-gang: prima l'aggressione in strada, poi l'incendio della porta di casa

FoggiaToday è in caricamento