Panico all’Intermodale: 32enne si lega e non vuole scendere dall'autobus, agente ferito nella colluttazione

Il 32enne del Senegal, irregolare sul territorio, è stato arrestato dagli agenti della polizia municipale, di cui uno è rimasto ferito nella colluttazione, e dai carabinieri

carabinieri e polizia

Attimi di tensione intorno alle 12.30 di questa mattina nei pressi del nodo intermodale di Foggia all’interno dell’autobus 34 che collega il capoluogo dauno a Borgo Mezzanone.

Attimi di panico a bordo dell'autobus 34

Un 32enne del Senegal, poi risultato irregolare sul territorio, al termine della corsa ha preteso dall’autista di essere riaccompagnato indietro e per questo si è legato con una corda al sedile. Il conducente dell’Ataf, che di lì a poco avrebbe dovuto portare il mezzo al deposito prima della ripartenza prevista un'ora dopo, ha chiamato i carabinieri. Pochi minuti dopo è giunta anche una pattuglia delle polizia locale.

A quel punto gli agenti e i militari hanno provato a convincere il passeggero con le buone a desistere dal tentativo di opporsi, almeno fino a quando il senegalese non si è alzato e si è scagliato contro le forze dell’ordine. In pochi secondi è stato immobilizzato e ammanettato.

Il ferimento dell'agente e il carcere

Nella colluttazione un sovrintendente della polizia locale, che ha partecipato attivamente all'arresto del 32enne, è rimasto ferito ed è stato medicato al pronto soccorso per dei traumi alla gamba destra, al fianco destro e al piede sinistro. L’uomo è stato tradotto in carcere e poi condannato per direttissima a otto mesi con sospensione.

Il commento del sindaco Landella

"Un ennesimo episodio di violenza si è verificato quest’oggi al quartiere ‘Ferrovia’. Esprimo solidarietà al sovrintendente della Polizia Locale di Foggia che, di concerto con i Carabinieri, è intervenuto su richiesta di un autista dell’Ataf a causa delle intemperanze di un cittadino senegalese risultato irregolare sul territorio italiano. L’agente della Polizia Locale ha riportato la peggio durante una colluttazione avvenuta all’interno dell’autobus della linea 34 che collega il centro città con Borgo Mezzanone, dovendo fare ricorso alle cure dei medici degli Ospedali Riuniti solo dopo però aver assicurato alla giustizia l’uomo. Continueremo nell’attività di controllo e pattugliamento della zona a ridosso della stazione ferroviaria poiché gli episodi di violenza e prepotenza non possono essere più tollerati, specialmente se provengono da chi trova accoglienza nel nostro Paese"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento