menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il mare della Puglia primo con la Sardegna: "Acque eccellenti"

È quanto riportato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente (Snpa). Sardegna e Puglia, con il 99,7% di chilometri di coste balneabili eccellenti, sono le due regioni con i dati più positivi

Oltre 5.400 km di acque di balneazione (mari e laghi) eccellenti nel nostro Paese: è quanto riportato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente (Snpa).

La classificazione della stagione 2020 si basa sui dati del periodo 2016-2019, realizzati su proposta di Arpa/Appa che svolgono attività di controllo e monitoraggio sulle acque di balneazione (a eccezione della Sicilia per il mare, della Lombardia e della provincia autonoma di Trento per i laghi). Le acque di balneazione sono state divise in quattro categorie: eccellente, buona, sufficiente e scarsa. 

Dai dati emerge che quasi 6mila chilometri di acque di balneazione sono stati catalogate tra quelle 'eccellenti', tra queste compare l'intero territorio pugliese, dalla Capitanata al Salento, accanto a Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna per il Sud, di Liguria ed Emilia Romagna per il Nord. Buono il giudizio per le regioni centrali, il Piemonte e le altre regioni del Nordest. 

Come si legge sul sito di Snpa "Sardegna e Puglia, con il 99,7% di chilometri di coste balneabili eccellenti, sono le due regioni con i dati più positivi, e sono anche due delle regioni con la maggior estensione di costa, ben 1.400 km l'isola dei nuraghi, e quasi 800 per il tacco dello stivale d'Italia". 

Per l'Italia si tratta di un risultato assai più lusinghiero rispetto alla media europea. Ma i dati non devono farci riposare sugli allori: "La qualità delle acque di balneazione costituisce un indicatore significativo del carico di acque non depurate che arrivano in mare dai corsi d'acqua. Aree non servite da fognature, allacci alle fognature mancanti, insufficiente funzionamento del sistema depurativo, ecc. determinano apporti di contaminazione fecale, e non solo, che richiedono azioni di risanamento di carattere strutturale". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento