Abusi edilizi, costruivano in barba alle autorizzazioni o alle misure imposte: denunciati

Il blitz del Corpo Forestale del il nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Foggia a Cagnano Varano. Sei, in tutto, le persone denunciate

Immagine di repertorio

Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati ambientali compiuto durante a Cagnano Varano, il nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Foggia, congiuntamente agli agenti del locale comando del Corpo Forestale, hanno posto sotto sequestro penale preventivo - in località “Isola Varano - un cantiere edile di circa 200 metri quadrati dove erano in atto lavori di escavazione.

Da accertamenti documentali esperiti, anche con l’ausilio del sistema operativo SIM (orto foto aree  e strumentazione GPS in uso)m i forestali intervenuti hanno accertato che i lavori in atto erano del tutto privi delle propedeutiche autorizzazioni paesaggistico ambientali. Pertanto, oltre all’area cantiere, veniva posto sotto sequestro un mezzo d’opera usato ai fini dell’escavazione e deferite a piede libero all’autorità giudiziaria quattro persone in qualità di esecutori materiali, nonché il committente/amministratore unico della società titolare dei lavori.

I reati ascritti a carico dei responsabili vanno dall’aver posto in essere delle attività edilizie in assenza  delle previste autorizzazioni urbanistiche ed ambientali, all’alterazione ambientale, in quanto l’area è gravata da vincolo  paesaggistico, zona di particolare interesse pubblico, rientrante nel perimetro del parco nazionale del Gargano, ed è  classificata come Sito di Importanza Comunitaria (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS).

I controlli hanno evidenziato altri illeciti penali. Due persone originarie di Cagnano Varano sono state invece deferite a piede libero all’autorità giudiziaria per aver violato i sigilli apposti dai reparti territoriali della Forestale nelle località valle Sant’Angelo e Isola Varano, sempre in agro di Cagnano, poiché nonostante le aree fossero sottoposte a misura cautelare reale (sequestro), i responsabili continuavano i lavori di esecuzione/costruzione di opere edilizie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento