Ruspe in azione sulla costa garganica: abbattuti manufatti abusivi costruiti vicino al mare a Torre Mileto e a Vieste

In località Molinella e nel centro di Vieste. Demolizioni anche in località Torre-Mileto Schiapparo

Al fine di ripristinare la legalità in territori particolarmente colpiti dal fenomeno dell’abusivismo edilizio in zone sottoposte a vincoli paesaggistici (quest’ultime non di rado oggetto di fenomeni speculativi e di interessi criminosi), in esecuzione dei protocolli di intesa tra la procura della repubblica di Foggia e i comuni di Vieste e di Lesina, prosegue il programma di abbattimenti degli immobili abusivi in tali aree, di notevole importanza sotto il profilo naturalistico ed ambientale.

In particolare, l'8 giugno in Vieste località Molinella, in esecuzione della sentenza n. 152/10, si è proceduto alla demolizione di un manufatto in muratura con antistante una veranda, realizzato su suolo demaniale ed in zona sottoposta a vincolo paesaggistico.

In data 9 giugno, sempre nella città del faro, si è data esecuzione all’ordinanza comunale n. 48/15 avente ad oggetto una struttura in ferro realizzata su suolo pubblico nel centro storico di Vieste, intervento che ha fatto tornare all’antico splendore il largo Santa Filomena.

Ed ancora, nel territorio di Lesina - località Torre Mileto-Schiapparo - area di particolare interesse ambientale e paesaggistico ricadente nel perimetro del Parco Nazionale del Gargano, in ottemperanza all’ordine di demolizione oggetto del decreto penale n. 36/01, sono state eseguite le operazioni di abbattimento di un fabbricato ad un piano fuori terra con scala e terrazzo costruito su suolo del demanio pubblico marittimo.

Nel medesimo ambito territoriale, in esecuzione della sentenza n. 130/04, si è proceduto alla demolizione di un altro fabbricato realizzato su un’area demaniale di circa 200 mq a 30 metri dal mare, anch’esso ricadente all’interno del perimetro dell’Ente Parco Nazionale del Gargano.

Le attività di demolizioni, che si inseriscono in un più ampio programma di abbattimenti e rispristino dello stato dei luoghi, oltre rappresentare l’affermazione del principio di legalità ed effettività della pena, costituiscono un sicuro deterrente per future azioni di violazione alla pianificazione ed alla integrità del territorio.

A conferma di tale dato, l’ufficio demolizione della Procura della Repubblica di Foggia ed alcuni enti locali registrano un notevole incremento delle demolizioni spontanee da parte dei soggetti condannati (si richiama, ad esempio, l’intervento di abbattimento di undici strutture prefabbricate in alluminio realizzate sul suolo del comune di Vieste, eseguito in autonomia del responsabile dell’abuso, il giorno dopo le demolizioni sopra descritte).

La fase esecutiva delle predette attività di demolizioni è stata resa possibile dai servizi di ordine e di sicurezza pubblica opportunamente predisposti da numerose forze dell’ordine intervenute in loco; il riferimento è, in particolare, al personale del commissariato P.S di San Severo, dell’arma dei carabinieri, della guardia di finanza, della polizia locale e della capitaneria di porto di Manfredonia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento