Carlantino: a bordo dell’ambulanza il 118 resta senza infermieri

Il primo cittadino Dino D'Amelio denuncia la gravità della situazione. A incidere sono le nuove disposizioni per il risparmio della spesa sanitaria

Il 118 di Carlantino è stato messo alle corde dalle nuove disposizioni per il risparmio della spesa sanitaria. Infatti non è più in grado di garantire la presenza di infermieri sull’ambulanza. Certa la presenza dei soccorritori volontari, sui quali graverà la responsabilità dell'efficienza ed efficacia del servizio.

La presenza del medico o almeno di un infermiere professionale è fondamentale per il 118 di un paese come Carlantino, un comune geograficamente ‘isolato’ e molto distante dai principali ospedali della provincia foggiana” afferma il primo cittadino. “Su questo problema pretendiamo risposte immediate per i nostri concittadini, perché la vita delle persone non può aspettare" aggiunge il sindaco. “Le questioni attinenti alla garanzia del diritto alla salute sono una priorità assoluta che necessitano di risposte inderogabili e urgenti” conclude Dino D’Amelio.

Molti servizi mancano del tutto, quelli attivi sono svolti in una situazione precaria e di forte disagio sia per gli operatori che per gli utenti. I carlantinesi non possono usufruire dei servizi di prevenzione, di diagnosi e di cura garantiti altrove dai medici specialisti. L’ambulatorio del paese – sprovvisto di riscaldamento e privo di fax e computer per le prenotazioni – può assicurare solo la presenza del pediatra e, chissà per quanto tempo ancora, del ginecologo. Vista la percentuale di persone anziane e di cittadini con gravi deficit di mobilità, nel comune sarebbe necessaria almeno la figura del fisioterapista oltre a quelle del cardiologo, del diabetologo, dell’urologo e del neurologo. I lavori di completamento dell’ambulatorio, inoltre, sono stati iniziati e mai completati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento