Tutto il mondo è foggiano

Opinioni

Tutto il mondo è foggiano

A cura di Massimiliano Nardella

Christian Moretti, lo scrittore di Rodi Garganico che vive e insegna a Limerick

Christian Moretti, 31enne di Rodi Garganico, vive con il suo partner e le sue due cagnoline a Limerick, dove insegna in un liceo. E' autore del romanzo 'Che Morte non Vi Separi'

31 anni, insegnante e scrittore. Ospite di ‘Tutto il mondo è foggiano’ Christian Moretti, l'autore di ‘Che Morte non Vi Separi’, il romanzo d’esordio edito da ‘Europa Edizioni’ che racconta la storia d’amore tra due ragazzi, Cesare e Tor, che nel pieno della loro relazione – intensa e sempre meno nascosta agli occhi del mondo – subiscono una brutale aggressione all’uscita di un locale da parte di una banda di omofobi. Con Cesare ridotto in fin di vita, “la vicenda prenderà una piega totalmente diversa, portando questo amore ad un livello ancora diverso, oltre il confine tra la vita e la morte”.

Di Rodi Garganico, Christian vive a Limerick da quattro anni, dove insegna lingua e letteratura in un liceo del posto. Autore di una monografia in inglese 'Conversations with the self' edita da ‘Troubador ltd uk’, ha insegnato letteratura comparata all’University of Kent e ha un dottorato di ricerca in letteratura italiana e spagnola. Oggi - con il suo partner e le sue due cagnoline – vive e lavora in Irlanda, nazione abitata da “un popolo splendido, cordiale, allegro e generoso, che dopo il referendum del 22 maggio ha dimostrato una grossa apertura mentale” mi confida Moretti.

Quando gli chiedo un paragone con l’Italia, l’insegnante-scrittore non ha dubbi: “La differenza, oltre alla situazione lavorativa, è soprattutto nello spirito rivoluzionario degli irlandesi”. Spirito che non apparterrebbe agli italiani, dove - riferendosi a cambiamenti sociali forti, segnali di inclusione, tolleranza e positività verso qualsiasi diversità - “si aspetta che gli altri cambino le cose e non si agisce” sottolinea il 31enne nato a San Giovanni Rotondo . Contrariamente a quanto fanno gli irlandesi, “determinati a rendere la loro nazione ancora più bella, aperta e inclusiva”. Un popolo “fiero” che l'autore di 'Che Morte non Vi Separi' dice di ammirare tantissimo. 

Profilo e forma mentis - quelli di Christian - ben si sposano con il tema caldo del momento, quello del Puglia Pride a Foggia. Per lo scrittore di Rodi Garganico, ma irlandese d'adozione, si tratta "di un'ottima occasione per dare visibilità alle tematiche e ai problemi che affliggono la comunità LGBT". "Mi fa davvero molto piacere vedere una città come Foggia alzare la testa e accogliere tutti i suoi cittadini" aggiunge. "E' bellissimo sapere come tante attività e negozi supportino questa iniziativa. In questo modo i giovani sanno che la società non li ripudia e che a Foggia possono sentirsi amati, sicuri ed accettati". 

Nel corso della sua carriera, Moretti ha curato l'introduzione della versione tedesca del romanzo "Acqua Storta" di Luigi Romolo Carrino e ha partecipato a numerosi congressi di letteratura presso atenei internazionali tra cui Paris Sorbonne (Francia), University of London(Regno Unito), Harvard University (Stati Uniti), University College Cork (Irlanda), University of Kent (Regno Unito), University of Exeter (Regno Unito). In merito al suo primo romanzo, In una recente intervista ha raccontato come durante i suoi studi e la sua ricerca sia stato sempre affascinato da due idee in particolare: quella di "amore" come essenza trascendentale, come sentimento che sorpassa realtà fisica e molte volte anche quella mentale e il concetto di "morte", come passaggio da materia a spirito. "In "Che Morte non vi Separi" ho voluto fondere questi due concetti e analizzarli assieme come una successione consecutiva di emozioni, sentimenti, causa ed effetto della vita".

A 'Tutto il Mondo è foggiano' Christian Moretti, scrittore di Rodi Garganico che vive e insegna a Limerick.

LA PAGINA FACEBOOK DI CHRISTIAN 

ACQUISTARE IL ROMANZO, CLICCA QUI

Si parla di

Christian Moretti, lo scrittore di Rodi Garganico che vive e insegna a Limerick

FoggiaToday è in caricamento