rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Sunday Morning

Opinioni

Sunday Morning

A cura di Michele Fiscarelli

Una notte al Museo

Dal blog Sunday Morning di Michele Fiscarelli

Nel Paese di Pantalone e Pulcinella, di Balanzone e Capitan Spaventa, la nomina di 7 stranieri su 20 preposti alla direzione di altrettanti musei italiani desta scalpore e alimenta polemiche. Tintinnii di campane e squilli di tromba hanno annunciato l’avvento del ratto che - secondo propagandisti e professionisti del retro pensiero - ha l’obiettivo di ammainare il tricolore dai principali siti della cultura italiana. Nella settimana in cui la Grecia cede 14 aeroporti alla Germania e il primo ministro ellenico, Alexis Tsipras, rassegna le proprie dimissioni, la selezione di 3 direttori teutonici su 7 di origine straniera rappresenta la goccia che fa traboccare il vaso, stroncando le speranze di quanti avevano riposto fiducia nella risoluzione della vicenda “Gino Lisa” ad opera di Frau Merkel.

Vittime della violenza con la quale il sacco ha depredato Roma, per dirimere la questione non possiamo fare a meno di porci l’amletico dubbio: cosa sarebbe stato del tridente delle meraviglie, Baiano-Signori-Rambaudi, senza la regia del boemo Zdeněk Zeman o del Milan di Sacchi senza gli olandesi Rijkaard, Gullit e Van Basten o del triplete dell’Inter senza la maestria del portoghese José Mourinho? Quando la domanda sorge spontanea, la risposta necessita inevitabilmente di qualche minuto di raccoglimento per chi come noi, esterofili per vocazione, nutre pensieri laterali. Peccato che la capacità di analisi delle dinamiche nazionali spesso non si traduca a livello locale dove l'unico anfiteatro a contabilizzare accessi superiori alle mille unità non è il “Mediterraneo”, ma lo stadio “Pino Zaccheria”; mentre il Museo Civico di Foggia registra 3 mila visitatori all'anno, nonostante sia il cuore pulsante del sistema museale comunale attorno al quale ruota una serie di attività che, includendo il parco archeologico “Passo di Corvo”, la civica pinacoteca “Il 9cento” e il Palazzetto dell’arte “Andrea Pazienza”, onora la nostra storia e rende giustizia all'identità collettiva di un popolo, il nostro, troppo spesso dimentico della propria memoria.


Social network: about.me/michelefiscarelli

Si parla di

Una notte al Museo

FoggiaToday è in caricamento