Sunday Morning

Sunday Morning

La proposta contro l'abusivismo: il quartiere ferrovia come i Red Light District di Amsterdam

Dal blog Sunday Morning di Michele Fiscarelli“

Caro signor Sindaco, sissignore, signorsì,

ipocriti, invidiosi e bruti non sanno che, quando si mente sapendo di mentire, si lede il diritto di qualcuno alla verità. L'estensione della fascia oraria per sostare nei parcheggi pubblici a pagamento non è un coup de théâtre, ma un colpo di genio. Per recarsi al cinema, in centro o in ospedale, quanti non hanno riconosciuto la sagoma di un ausiliario del traffico... abusivo? Se è vero com'è vero che bisogna pagare dazio, per non cedere alla rassegnazione, sarebbe opportuno ammettere la sconfitta e ricondurre la consuetudine nell'alveo della legalità. Quindi bando alle ciance: un fiorino!

È evidente che Foggia non sia una città ad alta densità turistica. Pertanto, in attesa dell'introduzione della tassa di soggiorno, potresti intervenire sul fronte dei folletti lavavetri che, a causa di molesti inviti e gratuiti improperi, hanno perso il loro appeal. Ti rivolgo un invito: malgrado la calura che arde i battistrada, stana un paio di agenti dal torre di vetro della Municipale e fa sì che presidi en passant le intersezioni semaforiche. Infine rinuncia ai proventi della lotta alla sfruttamento della prostituzione, un bene da tutelare piuttosto che un male da sconfiggere. Cinquecento euro non sono una sanzione da paese civile. Offrire o richiedere prestazioni sessuali a pagamento può altresì rappresentare un contributo alla quadratura dei conti. In tempi di magra, è necessario cogliere le opportunità ed avallare le richieste del mercato. Signor Sindaco, devi proiettarti nel futuro, comprendere la vocazione di quanti anelano a prestazioni (sessuali) occasionali e riscuotere il prezzo della libertà. Quanto varrebbe trasformare il quartiere Ferrovia in un quartiere a luci rosse traendo ispirazione da Pigalle (Parigi), da Soho (Londra) o dal Red Light District di Amsterdam? Immagina: sosta tariffata 24 ore su 24, nuova linfa per le strutture alberghiere, apertura di esercizi commerciali ad hoc e cinema d'essai. È il mestiere più antico del mondo. Monetizzalo!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Social network: about.me/michelefiscarelli

Sunday Morning

Rubrica di notizie false e tendenziose. Può causare tosse, mal di gola, vertigine e stato d'incoscienza. Leggere attentamente il foglio illustrativo prima dell'uso. Se il disturbo persiste, consultare il medico

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Solo che lì è tutto legale, qui è tutto illegale e pericoloso. Articolo partorito da una mezza mente

  • Non ci posso credere ! Sai che stavo pensando proprio la stessa cosa. Ma si, riapriamo almeno una sala cinematografica " specializzata ", per risvegliare i fasti del glorioso Garibaldi, che i " nostalgici " ben ricordano e rimpiangono, e le cui mura, oramai fatiscienti, ancora ben ricordano le loro " gesta ". E magari, trasformiamo il cortile accanto in posteggio " riservato " e sottratto a sguardi indiscreti, togliendolo all'uso " ristorativo " cui è destinato adesso. Si potrebbe anche mettere un ticket da 5 euro/ora, che sarebbe, questo si, pagato ben volentieri dagli utenti h 24 ! Anche la tua geniale idea per il quartiere ferrovia, merita sicuro riconoscimento ed apprezzamento. Hai provato a parlarne con il Sindaco del tuo stesso partito, nelle riunioni del comitato provinciale di cui fai parte ? Hai provato a sentire cosa ne pensano i residenti del quartiere ? O, hai sentito solo le agenzie immobiliari, pronte a trasferirsi lì in zona, per acchiappare questo nuovo segmento di mercato ? Avrai anche ipotizzato i probabili introiti per le casse comunali, per i quali si dovrà creare una nuova " voce di bilancio " ( mi astengo, per ovvie ragioni, dal suggerirne il nome ), magari da utilizzare per sgravare i residenti-proprietari di case del quartiere dai tributi locali ? E poi, ci sarebbero anche gli introiti pubblicitari, per locandine in strada ed utilizzo di vetrine, come nei posti da te citati, per la esposizione dei " prodotti acquistabili ad ore " ? Lo sai che qui si rischia veramente che qualche dirigente, facendosi due conti, ti affidi il compito ( vedi tu, poi, se gravoso o piacevole ) di realizzare questo nuovo parco cittadino free ? Mi raccomando, ove accettassi l'incarico, solo di ben governare le tessere omaggio per la casta ! Un ultimo consiglio, se permetti : occhio alle temperature sotto l' ombrellone, per i picchi raggiunti negli ultimi giorni ! Sempre che tu sia al mare. Perchè alcuni mi riferivavano di averti visto nei giorni scorsi ad un banchetto " nuziale " a Cagnano Varano : bravo, la forza delle idee deve sempre prevalere sulle ipocrisia !

    • Signor Ciro, è andato ben oltre la mia immaginazione. Mi congratulo! La invito però a non confondere la realtà con la finzione. Quando si ha l'onere di vestire la fascia di primo cittadino non lo si fa in nome di una parte, ma della città che si amministra. Noti: nel post mi rivolgo alla carica, non alla persona. Sul partito, invece, mi permetta di correggerla, senza polemica né menzogna alcuna. Benché non interpreti la sua considerazione come un'accusa né alla stregua di un'offesa, le suggerisco di documentarsi, evidenziandole che è semplicemente male informato. Su Cagnano, invece, cosa dirle: non conosco la vicenda. Non me ne voglia! La ringrazio dell'attenzione. Cordialità.

      • Sai come è, caro Michele: tempo fà trovavo in distribuzione nei bar un opuscoletto, dal significativo titolo " ai confini della realtà ", scritto da un nostro concittadino, credo. E stamane, pensavo proprio a quel titolo, leggendo il tuo piacevole blog. Per il resto, tranquillo : non passo mai, con estrema facilità, dal piano gnoseologico a quello ontologico, avendone ben chiare le differenze, ed ancor meno faccio il percorso al contrario. Il mio voleva solo essere un venirti dietro, simpaticamente ed affettuosamente, sulla goliardata- shock, di cui avevo ben compreso lo spirito e la ratio sottostante. Mi spiace, quindi, averti così costretto a prendere in mano il tablet in vacanza ! Circa invece la mia mancata documentazione, deve essere stato un caro amico a trarmi in inganno, dicendomi di averti sempre incontrato alle riunioni del comitato provinciale del partito che, all'epoca, ha eletto il sindaco, così come a tutte le manifestazioni all' auditorium di via Arpi. E questo, deve averlo indotto a pensare ad un tuo ruolo interno ; comunque, tranquillo, come mia abitudine, verificherò, per non lasciare mai nulla al caso. Ahimè, noto purtroppo una esaltazione solo del personale sarcasmo, quasi infastidito da quello altrui : e così, consentimi, data la maggiore età, non và bene, considerato il tuo ruolo qui pubblico, ed il fatto che io ti vedo come una persona con ampi orizzonti, e da sempre aperta a qualsiasi nuova esperienza, disposta finanche a percorrere sentieri inesplorati, pur di raggiungere la prefissa meta ! Ne è chiara testimonianza il tuo vivere quotidiano, ed il tuo impegno nel sociale, nel campo lavorativo e sindacale, e non solo. Ovviamente, un elogio qui per la tua idea, per risolvere problemi di cassa e non solo, che denota certamente le tue ampie vedute ed aperture mentali, la tua voglia di esplorare e visitare mondi nuovi, quando sei all'estero, con l'entusiasmo quasi di un bimbo che muove i primi passi. Bravo, Michele, per poter parlare di qualcosa, bisogna prima averla toccata con mano ! Avrei qualche altro correttivo da apportarvi, come il tenere separata la zona destra del viale della stazione dalla sinistra, creando al centro una terza zona, in modo da non scontentare alcuno, ma non vorrei entrare qui troppo nei dettagli. Consentimi, infine, per rispetto anche delle pagine che ti ospitano, di suggerirti anche la lettura degli altri interessanti articoli, di altri autori, come quello sulla bella iniziativa a Cagnano Varano, poichè da te, che qui scrivi, non si può accettare il " non conosco la vicenda ". Buon ferragosto, infine, a te ed agli amici che avranno la fortuna di condividerlo con te. Alla prossima.

        • Ciro, la ringrazio dell'approfondimento e degli elogi che simpaticamente mi ha concesso. È evidente che alcuni dei fatti che racconta attengono alla realtà. Il problema sorge quando li colleziona visto che giunge a deduzioni imprecise. L'ilarità del post è palese. Spero che, piuttosto che urticare, desti nel lettore un sorriso. Lei non si firma. Benché tenda a non rispondere a chi commenta in anonimo, apprezzo il suo impegno e in parte condivido quanto scrive, salvo quando esprime verità che sono sue. Rimandando alla prossima puntata ulteriori analisi e suggerimenti, mi auguro che in futuro abbandoni il nickname e ci metta la faccia. Saluti.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento