Blog di psicologia

Blog di psicologia

Ecco come superare la crisi economica e la paura di non farcela

Dal blog dello psicologo foggiano, il dott. Salvatore Panza

Per molte persone la recessione sta creando profonde paure in merito alla perdita del lavoro, delle proprietà, dei risparmi, dell'amore, del rispetto, della tranquillità, dell'autostima, ecc…; in poche parole, una vita priva di significato. In questi ultimi mesi, inoltre, l'ansia e la depressione hanno subìto un incremento evidente. Quello che io rilevo sempre più spesso nelle persone che incontro è che a molti, in questo periodo, mancano proprio le risorse psicologiche per affrontare questa situazione "di emergenza".

Quello che ci stiamo dimenticando, però, è che ognuno di noi possiede dentro di sé un insieme di risorse alle quali può attingere, in ogni momento, per risolvere le difficoltà, i problemi che si trova di fronte. Per poter tirare fuori da sé e rispolverare le risorse necessarie per affrontare le sfide giornaliere dobbiamo, necessariamente, effettuare un "percorso di crescita personale" che ci porti a scoprire non solo quali siano le nostre risorse ma a saperle anche utilizzare in maniera efficace in tutte le occasioni.

Un "must" di questo particolare periodo storico deve essere il miglioramento, l'evoluzione, tutti concetti che sentiamo sempre di più in TV e che sono sinonimi di "cambiamento". Il cambiamento, però, come ho già avuto modo di spiegare in un altro mio articolo, spaventa. Da sempre, infatti, desiderio di stasi (il caldo grembo, la tranquillità, la "zona di comfort", la morte anche) e desiderio di movimento (ricerca, conoscenza, miglioramento, cambiamento) coesistono nell'animo umano alternandosi nel ruolo di guida e determinando la crescita effettiva dell'individuo. Ogni volta che il vecchio equilibrio viene messo in discussione stiamo, in realtà, vivendo ciò che viene chiamata una "crisi". Va da sé il valore positivo che può assumere la crisi, in quanto motore indispensabile al cambiamento e all'ampliamento della coscienza, anche se alcune persone (coloro che hanno maggiori difficoltà a vivere i momenti di crisi e anche a comprenderne la natura essenzialmente positiva e trasformatrice) hanno costruito la propria esistenza all'interno di confini rigidi e poco permeabili, tra ciò che conoscono di se stesse e del mondo e ciò che è ancora sconosciuto, diverso e potenzialmente perturbante ma al tempo stesso migliorativo.

Più le persone sono rigide e intolleranti, più costruiscono confini impenetrabili intorno a sé; ma se disgraziatamente qualcuno o qualcosa (come sta avvenendo in questo periodo nel mondo) riesce dall'esterno a penetrarvi, allora la crisi sarà particolarmente devastante per loro. Si tratta di persone con grandi debolezze ed insicurezze, per le quali il confronto con la diversità, con l'altro da sé, col cambiamento, può realmente costituire una minaccia alla sopravvivenza. Ogni giorno, purtroppo, stiamo assistendo alla resa di molti imprenditori che preferiscono morire piuttosto che tirare fuori nuove risorse, strategie, idee per andare avanti comunque in qualche modo. Io non credo che sia giusto rinunciare così facilmente alla capacità che ogni essere umano possiede, di ribaltare a suo favore ogni situazione difficile.

Credo che, quando questo avviene, le cause siano da cercare nell'inconsapevolezza delle reali risorse di cui si dispone. Inoltre, sono convinto che, quando l'uomo conosce profondamente se stesso, non si lasci più condizionare o determinare così facilmente dagli eventi esterni. Un uomo o una donna "consapevoli" sanno relazionarsi efficacemente con qualsiasi tipo di realtà, di difficoltà o avversità. Sanno scegliere tra l'essere vittime o essere leader! Questa è una possibilità, è una scelta a cui tutti siamo chiamati in questo periodo. La crisi è ovunque, è mondiale. E dunque anche tu, che proprio in questo momento hai scelto di leggere questo articolo, sei chiamato a scegliere se essere vittima o artefice della tua vita. Pensaci…

In definitiva, quindi, possiamo dire che l'intensità percepita della crisi è direttamente proporzionale alla rigidità dei confini che ogni persona costruisce intorno a sé e che segnano il limite tra ciò che ci appartiene e ciò che invece non ci appartiene, tra ciò che conosciamo e ciò che ci è sconosciuto, il poter dire "ho sempre fatto così…e mi è sempre andata bene" ed invece il dire "che cosa posso fare di diverso e nuovo per poter andare avanti ed adattarmi alle nuove circostanze?". Se tali confini sono sufficientemente permeabili ogni elemento proveniente dall'esterno (idee, persone, opportunità, ecc.) potrà facilmente entrare nella coscienza senza che ciò comporti una destrutturazione totale dell'individuo. La crisi sarà, cioè, indolore o quasi, garantendo continuità alla crescita e all'apprendimento. Se farai in questo modo, potrai tornare a casa la sera, guardare i tuoi cari negli occhi e dire con fierezza di aver scelto di lottare per crescere e per farcela, piuttosto che lamentarti e nutrire di energia negativa te stesso, la tua famiglia e le persone che ami. Coraggio!!!

Ricorda sempre che ogni crisi (economica, lavorativa, personale, di coppia, ecc…) nasconde sempre delle opportunità di crescita e di miglioramento…

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

P.S.: Se avete dei quesiti da porre a Salvatore Panza, scrivete nell'area commenti o, se preferite una comunicazione privata, inoltrateli direttamente alla casella di posta del Dottore: salvatore_panza@virgilio.it. Per altre informazioni visitate il sito: www.salvatorepanza.it oppure telefonate al: 340.2351130.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento