Casa&Soldi

Casa&Soldi

Casa & Soldi | Condomini a 4 zampe: norma, condotta e regole da rispettare

Dal blog del ragioniere foggiano Luca Zichella

Animali domestici

Dal 2013 cani e gatti sono veri e propri condòmini: nessun regolamento può più vietare la loro presenza negli appartamenti. Secondo dati recenti, il 55,3% degli italiani gradisce la  compagnia di uno o più animali domestici: l'entrata in vigore della nuova legge (n.220/2012) si schiera finalmente a favore di questi ultimi e lascia dormire sonni tranquilli ai padroni italiani.

La norma. Non potranno più essere accolte quindi lamentele, discussioni e litigi relativi alla presenza di animali domestici in un condominio. Precisamente, l’articolo 16 della Legge 220/12 (GU n.293 del 17 dicembre 2012)  recita “Le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali da compagnia.  La norma si applica in particolare a cani, gatti, criceti, furetti, conigli, galline e volativi che rientrano nell’ampia categoria di animali domestici. Con questa denominazione vengono considerati tutti i possibili animali d’affezione che non sempre però sono “domestici” in senso proprio. Resta invariato invece il divieto di detenere animali esotici come i serpenti.

La condotta. La nuova norma va a incidere sui regolamenti esistenti di natura contrattuale e assembleare vietando tutte le limitazioni o divieti al possesso di animali domestici. Tuttavia questo non significa mancanza di attenzione verso la condotta del proprio animale. Restano sempre sanzionabili, infatti, le condotte che provocano deterioramento, distruzione o che deturpano o imbrattano cose mobili o immobili altrui.

Le altre regole. E’ preferibile attenersi all’ordinanza del 23 marzo 2009 emanata dal Ministero della Salute secondo cui sui proprietari di animali vige l’obbligo di:

  • Tenere pulita l’area del passaggio  dell’animale;
  • Utilizzare il guinzaglio in ogni luogo;
  • Applicare la museruola in caso di animale aggressivo;
  • Non lasciare l’animale libero di circolare  in spazi comuni senza le cautele suddette;
  • Non ledere o nuocere igiene e quiete dello stabile;
  • Non abbandonare gli animali per lungo tempo sul balcone o in casa onde evitare il reato di “omessa custodia” (art. 672 del Codice penale).

Per i proprietari inoltre è sempre vigente la responsabilità civile (art. 2052 Codice Civile) in caso di  danni o lesioni a persone, altri animali o cose. Nello specifico caso di animali pericolosi ed aggressivi si ha l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa di responsabilità civile per i danni causati dal proprio animale nei confronti di terzi.

In caso di odori sgradevoli e rumori molesti, i condòmini vittima del disagio possono ottenere la cessazione della turbativa, chiedendo l’allontanamento dell’animale dall’abitazione (art. 700 del Codice di procedura civile).

In sintesi, ogni inquilino può scegliere di ricevere affetto e compagnia da un animale domestico:  l’importante è non dimenticare mai il rispetto per gli umani con cui si condivide il condominio!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

Casa&Soldi

"Amministratore di condominio professionista iscritto dal 1995 all'associazione A.N.A.I.P di cui sono referente per Foggia e BAT. Abilitato anche alla professione di Consulente del Lavoro, mi occupo di tutto ciò che riguarda il settore immobiliare.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Ben vengano nei nostri condomini animali da compagnia! Se invece i nostri stabili saranno deturpati da...(sapete da cosa!) sarà opportuno allontanare non solo questi bellissimi animali ma anche... i loro padroni! Ma ciò, ci chiediamo candidamente, è previsto da qualche articolo di legge? Non si vuol generalizzare ma solo prevedere da parte dei proprietari di animali da compagnia maggior senso civico e pubblicizzazione ... anche attraverso questo forum, di tale necessità. Sappiamo bene che attraversare le strade della nostra città è diventato un percorso ad ostacoli a causa degli escrementi di animali. Chiediamo troppo, signor Luca Zichella...? Grazie per il suo impegno e... viva gli animali da compagnia!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento