Come leggere l'INCI e conoscere cosa contengono i prodotti per la cura della persona

I prodotti dedicati alla cura del corpo e dei capelli sono spesso ricchi di sostanze dannose per la nostra salute

I cosmetici sono i nostri migliori alleati di bellezza. Li utilizziamo quotidianamente per prenderci cura della nostra pelle e dei nostri capelli, ma è importante sapere cosa contengono. 

Per tale ragione, è bene imparare a leggere le etichette dei prodotti che acquistiamo, perché spesso sono pieni di ingredienti pericolosi per la salute.

Solitamente i più comuni cosmetici presentano formulazioni ricche di conservanti dannosi per la cute, tensioattivi aggressivi, siliconi e derivati del petrolio (parabeni e petrolati), sostanze filmanti che ricoprono completamente cute e capelli, facendoli apparire idratati, ma che in realtà gli impediscono di ricevere il nutrimento necessario, peggiorandone la condizione.

Vediamo quindi come imparare a leggere l'INCI dei prodotti cosmetici e quali sono gli ingredienti pericolosi per la salute da evitare.

INCI: che cos’è e come si legge

INCI è l'acronimo di International Nomenclature Cosmetic Ingredients, e indica quindi la denominazione utilizzata in ambito internazionale, ovvero uguale in tutto il mondo, per indicare tutti i componenti e gli ingredienti dei vari prodotti cosmetici. Proprio per questo, l'INCI assicura la massima tutela del consumatore, permettendoci di riconoscere gli ingrediente dannosi o allergizzanti che si trovano nei cosmetici.

Per capire come leggere l'INCI è importante sapere che gli ingredienti al suo interno sono elencati in ordine decrescente, in base alla loro concentrazione: i primi della lista sono quelli presenti in quantità maggiore all’interno della formulazione, mentre gli ultimi ingredienti presenti in etichetta saranno contenuti solamente in tracce od in piccole percentuali. Questa regola vale per le sostanze che raggiungono concentrazioni superiori o uguali all’1%, mentre quelle presenti in percentuale inferiore all’1% possono essere indicate in ordine sparso.

Se le sostanze sono indicate con il loro nome in latino vuol dire che sono state inserite nella formulazione del cosmetico in purezza, senza subire alcuna alterazione o modifica chimica. Se poi, accanto al nome in latino, è presente un asterisco, significa che quell’ingrediente proviene da agricoltura biologica.

Al contrario, i nomi in inglese indicano gli ingredienti di origine chimica, quelli prodotti in laboratorio.

Gli ingredienti da evitare pericolosi per la salute 

Per aiutarti a riconoscere a colpo d'occhio se un prodotto è sicuro, abbiamo quindi stilato un elenco con i principali ingredienti da evitare contenuti nei cosmetici:

  • Petrolati e oli minerali-  sostanze che derivano dagli scarti di raffinazione del petrolio non biodegradabili e non ecodermocompatibili:  Paraffinum liquidum, Mineral Oil, Vaselina, Ceresin, Ozokerite, Petrolatum, Paraf?n, Cera Microcristallina e Isoparaf?n.
  • Siliconi -  derivati del petrolio molto inquinanti e non dermocompatibili, poiché occludono la traspirazione di cute e capelli, rendendoli secchi e fragili: Dimethicone, Ciclopentasiloxane, Amodimethicone, Dimethiconol, Cyclomethicone, Trimethylsiloxysilicate, Poliquaternium-80 e, in generale, tutti gli ingredienti che finiscono con -thicone, -xiloxane, -silanoil.
  • Conservanti chimici - ne fanno parte anche alcuni parabeni, e sono sostanze inquinanti, potenzialmente cancerogene, allergizzanti e che possono interferire con il nostro sistema ormonale: Formaldheyde, Triclosan, Imidazolidinyl urea, Diazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone, Methylchloroisothiazolinone, Butilidrossianisolo (BHA) e il Butilidrossitoluolo (BHT).
  • Emulsionanti - sostanze di sintesi che favoriscono la fluidità del prodotto dannose soprattutto se mescolati con quantità di ethylene oxide e 1,4-dioxane, che sono cancerogeni: Polyethyleneglycole (PEG), Dipolyhydroxystearate, PEG6, PEG20, PEG 75, PEG-4, PEG-n, PEG-40 Hydrogenated Castor Oil, Propylen Glycol, Butylen Glycol, Polypropylene Glycol, Ethylene Glycol.
  • Tensioattivi -  sostanze chimiche non pericolose, ma che possono disidratare, producendo secchezza e ipersensibilità sulla pelle e sul cuoio capelluto: Sodium Lauryl Sulfate (SLS), Amonium Lauryl Sulfate, TEA-Lauryl Sulfate, Magnesium Laureth Sulfate, MEA Laureth Sulfate, Sodium Laureth Sulfate (SLES) e Amonium Laureth Sulfate.
  • Altri ingredienti pericolosi: antibatterici chimici (Triclosan, chlorexidine), antitraspiranti (alluminio cloridrato), assorbenti (Stearalkonium bentonite, distearimonium hectorite, perlite), edta-tetrasodium edta, inquinante per l’ecosistema, e tutte le sostanze che terminano in –trimonium, in –dimonium (inquinante per le acque) e in –glycol (solventi sintetici aggressivi sulla pelle).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Curva contagi in discesa in Puglia, verso l'addio alla zona rossa. Emiliano: "Restrizioni verranno allentate nei prossimi giorni"

  • Il caso Puglia zona rossa e quel miraggio color arancione che sa di beffa

  • La Lega vuole la Puglia arancione da lunedì 19. Marti: "Non paghino parrucchieri ed estetisti gli errori di Lopalco"

  • Spara e uccide la moglie, trovata sul letto insieme al marito agonizzante: il femminicidio a Cerignola, la vittima aveva 80 anni

  • "La mia rosa se n'è andata in una busta dell'immondizia". La straziante lettera che fa scoppiare in lacrime Tutolo: "Questa è violenza gratuita"

  • Si torna a scuola, tutti in classe dal 26 aprile: anche alle 'Superiori' ma non nelle zone rosse

Torna su
FoggiaToday è in caricamento