rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità San Severo

Le lacrime di David, l'inglese tornato a San Severo con la figlia: "Qui per farle conoscere la nostra storia"

Perryman ha portato i nipoti nella città dove suo padre cadde 80 anni fa per mano dei tedeschi

Era arrivato per la prima volta a San Severo nel 1989, a distanza di 46 anni da quel tragico 27 settembre 1943, quando il padre appena 27enne cadde per mano dei tedeschi, e oggi David Perryman, figlio del soldato Donald Perryman, è tornato in città.

Suo padre è uno dei quattro militari, uccisi da un cannone tedesco alle porte della città, all’altezza dell’attuale ex macello, durante una pattuglia di ricognizione. I “valorosi soldati” furono seppelliti nel cimitero di San Severo e nel 1944 il Comune dedicò un monumento funebre ai militari inglesi. Sulla lapide si legge che “con il sacrificio della loro vita liberarono San Severo da preordinata distruzione”.

Stando ai documenti, infatti, l’arrivo dei quattro militari alleati fece credere ai tedeschi che fosse imminente l’ingresso di ingenti truppe, facendoli desistere dai loro propositi, vale a dire violenze e distruzioni programmate per la notte successiva. Sono considerati, insomma, eroi della Resistenza.

Accompagnato da Donata Contò, presidente del Centro di ricerca e di documentazione per la storia della Capitanata, David Perryman, è stato accolto in Municipio insieme alla sua famiglia, “sopraffatto dalle emozioni” nella sua visita. A fare gli onori di casa il responsabile dell’ufficio stampa del Comune Michele Princigallo. A seguire, al Teatro Verdi, hanno incontrato il sindaco Francesco Miglio, il vice sindaco Salvatore Margiotta, l’assessore alla Cultura Celeste Iacovino e l’assessore alle Politiche Sociali Simona Venditti.

David Perryman ha voluto portare sua figlia in questo viaggio, “per far capire a lei e ai tre nipoti chi è e da dove viene”. La professoressa Contò gli ha detto che era molto contenta di conoscerlo: “Il suo papà ha contribuito a restituirci libertà e democrazia. È l’importanza della storia – ha aggiunto - conservare i ricordi nel bene e nel male”.

Visita David Perryman

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le lacrime di David, l'inglese tornato a San Severo con la figlia: "Qui per farle conoscere la nostra storia"

FoggiaToday è in caricamento