Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voilà la foresteria 'Casa Sankara', 100 moduli abitativi per 400 migranti. Ndiaye: "Fuori dai ghetti, dentro la legalità"

A distanza di 8 mesi dall'inaugurazione, gli occupanti della tendopoli hanno iniziato a trasferirsi nei moduli abitativi di Casa Sankara. Consegnati gli alloggi ai primi 280 migranti, ma c'è posto per 400 (più 100) persone

 

A distanza di 8 mesi dall'inaugurazione, finalmente la foresteria intitolata alla memoria di Stefano Fumarulo, prende vita. Da ieri gli occupanti della tendopoli che insiste sui terreni di Casa Sankara, hanno iniziato a trasferirsi nei moduli abitativi.

100 abitazioni che potranno accogliere 400 migranti; ad oggi già 280 stanno prendendo possesso dei loro nuovi alloggi, gli altri sono al momento ospiti dell'Arena di San Severo, struttura che lasceranno nei prossimi giorni. A questi 400 posti, se ne aggiungo altri 100 già esistenti da diverso tempo a Casa Sankara. 

La foresteria, progetto finanziato dalla Regione Puglia, è un modo per dare un posto dove poter vivere ai tanti migranti che popolano le campagne della Capitanata, ma anche per sottrarre manodopera al caporalato. Mbaye Ndiaye: "Casa Sankara dà la possibilità alle persone di uscire fuori dai ghetti e di entrare nella legalità. Dà il coraggio di dire 'no' al caporalato".  | IL VIDEO 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento