Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al via i test di Medicina, 953 candidati per 150 posti. Norme anti-covid rigorosissime: "Massime condizioni di sicurezza"

Sono partiti alle 12 i test di ammissione al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria. Tra le curiosità della giornata: il più giovane concorrente è stata una donna del 2003, mentre quello più adulto un uomo del 1971

 

Si sono svolte questa mattina, giovedì 3 settembre 2020, le prove ministeriali per l’ammissione ai corsi di laurea magistrale, a numero programmato, in Medicina e Chirurgia (posti banditi n. 99 posti per cittadini comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia, n. 1 posto riservato a cittadini non comunitari residenti all’estero) e Odontoiatria e Protesi dentaria (50 posti banditi) dell’Università di Foggia.

Le domande pervenute sono state 998, ma a presentarsi ai test sono stati in 953. Le operazioni di identificazione dei candidati hanno avuto inizio alle ore 07.00 e la prova è iniziata, come nel resto d’Italia, alle ore 12.00. Cento i minuti a disposizione dei concorrenti che si sono cimentati con 60 quesiti a risposta multipla.

Quest’anno l’Università di Foggia ha coordinato e fatto rispettare le norme anti-Covid, avvalendosi della consueta collaborazione delle Forze dell’Ordine e anche della Protezione Civile. Per l’occasione sono state impegnate 80 unità del personale Tecnico-Amministrativo, ripartite in 10 sale de “La Città del Cinema” di Foggia.

Per rispettare le norme di prevenzione dei rischi da diffusione da Covid-19, il ministero ha previsto la partecipazione dei candidati nelle zone di residenza, quindi, niente più studenti provenienti da tutta Italia, ma, a prescindere dall’Ateneo scelto, ogni studente ha svolto il concorso nel capoluogo di residenza. Tutti gli ambienti sono stati sanificati ed è stata prevista la pulizia dei bagni durante i test. Tutti i presenti hanno indossato la mascherina e sono, infine, stati evitati gli assembramenti, individuando anche un doppio corridoio per l’ingresso e l’uscita. Tutto ciò in aggiunta alla ricezione della dichiarazione sostitutiva dell'autocertificazione sull'idoneo stato di salute che ogni candidato ha inviato al portale Universitaly.

Tra le curiosità della giornata: il più giovane concorrente è stata una donna del 2003, mentre quello più adulto un uomo del 1971. Tutto si è svolto regolarmente e senza problemi grazie alla rodata macchina Unifg cha ha fatto fronte anche all’attuale emergenza sanitaria. Il prossimo appuntamento selettivo per i Dipartimenti di Area Medica sarà l’8 settembre, con i test di ammissione alle Professioni Sanitarie.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento