Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A San Giovanni la grande staffetta paralimpica: nella città di San Pio gli atleti portano il messaggio di Zanardi: "Ci ha insegnato a rialzarci"

Da nord a sud, dalla Lombardia alla punta estrema della Puglia, un viaggio lungo lo 'stivale', promosso da Alex Zanardi all'indomani della decisione di spostare il giro d'Italia da maggio ad ottobre. A guidare la staffetta Lucia Nobis: "Alex ci ha insegnato che nonostante le difficoltà c'è sempre il sole". 

 

Sono partiti da Luino (Va) per raggiungere Santa Maria di Leuca. Da nord a sud, dalla Lombardia alla punta estrema della Puglia, un viaggio lungo lo 'stivale', promosso da Alex Zanardi all'indomani della decisione di spostare il giro d'Italia da maggio ad ottobre. 

Tra gli atleti che hanno aderito alla grande staffetta del progetto 'Obiettivo 3', e che oggi hanno fatto tappa a San Giovanni Rotondo, ci sarebbe dovuto essere anche Alex Zanardi, vittima di un grave incidente lo scorso 19 giugno in provincia di Siena. 

Mentre il pluricampione paralimpico è in lotta per la vita su un letto di ospedale, l'iniziativa di 'Obiettivo 3' prosegue soprattutto per onorare la sua figura. 

La staffetta capitanata da Lucia Nobis, psicologa dello sport affetta da sclerosi multipla, ha fatto tappa anche a San Giovanni Rotondo, accolti da autorità civili e religiose. "Alex ci ha insegnato il significato della parola resilienza, a rialzarci e che nonostante le difficoltà c'è sempre il sole". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento