rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il canto di Simone, il 22enne con le 'Ali in tasca' costretto a vivere con la definizione di 'ragazzo autistico'

Ali in tasca è un invito a eliminare il filo spinato dell’indifferenza, ricucendo il sentimento della fratellanza e dell’accettazione di chi non è come noi

Il mondo della musica si arricchisce di una canzone, di un interprete, ma soprattutto di un progetto ambizioso che rompe gli schemi e incrina la rigidità del conformismo per tendere al bene più prezioso: la libertà di essere sé stessi sempre, in ogni situazione che la vita ci ha riservato.

Simone è nato a Foggia 22 anni fa, in compagnia del suo gemello. Un curioso preludio per chi, in seguito, si troverà ad affrontare il disagio e la malinconia della solitudine di chi è costretto a convivere con la definizione: “il ragazzo autistico”.

Con impegno e determinazione, combattendo il pregiudizio, Simone ha sempre cercato di coltivare le sue passioni, il basket, l’informatica, ma soprattutto la musica, anche con lo studio del pianoforte. E partendo dalla sua passione è arrivato a realizzare il suo sogno. Dal cantare a squarciagola le canzoni dei suoi autori preferiti, Jovanotti, Nek, Vasco Rossi, col coraggio e l’incoscienza di chi non si arrende, è riuscito a incidere un “suo” brano che sarà disponibile dal 7 maggio su Spotify, Amazon, Apple Music e nei migliori digital store.

Il testo, profondo e significativo, è stato scritto da sua madre Luisa, la prima che non si è mai arresa, fermamente convinta che in questo mondo ci sia posto per tutti e che la differenza sia un arricchimento. Ali in tasca è un invito a eliminare il filo spinato dell’indifferenza, ricucendo il sentimento della fratellanza e dell’accettazione di chi non è come noi.

I primi ad aderire all’invito sono stati il cantautore Ilario de Angelis che ha scritto la musica (e featuring) e Edgardo Caputo che ha arrangiato e mixato il brano, contribuendo con la loro energia e professionalità a rendere realtà quello che per un ragazzo affetto da autismo rientra nella categoria del “non ce la può fare”.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Il canto di Simone, il 22enne con le 'Ali in tasca' costretto a vivere con la definizione di 'ragazzo autistico'

FoggiaToday è in caricamento