rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità Cerignola

300 tir fermi a Cerignola, autotrasportatori non mollano: "Andremo avanti fino a quando non avremo risposte"

"Abbiamo attivato interlocuzioni per capire come il Governo intenda porre freno all’ondata di proteste nelle nostre città”, il commento del vicesindaco di Cerignola, Maria Dibisceglia

“Chi non ha il coraggio di ribellarsi non ha neanche il diritto di lamentarsi”. Questo il claim che accompagna la protesta degli autotrasportatori di Cerignola, in sciopero permanente oramai da cinque giorni. Secondo Michele Perrotti, titolare di un’azienda di trasporto, sarebbero più di 700 i camionisti che avrebbero aderito alla protesta, prolungata fino al prossimo 5 marzo, “fino a quando saranno prese iniziative adeguate contro il caro carburante”. 

I camion parcheggiati in prossimità degli accessi alla città ofantina sarebbero in realtà trecento, un numero ad ogni modo altissimo. “Gli autotrasportatori ci hanno chiesto sostegno e ci hanno chiesto di sollecitare gli organi istituzionali più alti come il ministero dei Trasporti. Da questo punto di vista abbiamo attivato interlocuzioni per capire come il Governo intenda porre freno all’ondata di proteste nelle nostre città”. Il vicesindaco Maria Dibisceglia ha incontrato gli autotrasportatori che da martedì hanno fermato i loro mezzi all’altezza degli svincoli autostradali Cerignola Est e Cerignola Ovest.

Il vice di Bonito fa sapere che il Comune ha provveduto ad inviare pasti caldi ed acqua, mentre sono in dirittura d’arrivo bagni chimici nelle zone interessate. “Dall’inizio della settimana abbiamo palesato la volontà di sottoscrivere un documento comune perché il Ministero dei Trasporti intervenga celermente per risolvere le difficoltà del comparto”, prosegue Dibisceglia.

Così il sindaco Francesco Bonito: "Stiamo dimostrando con i fatti di essere al fianco dei lavoratori. Si tratta di un settore strategico per l’intera Nazione e questo grido di dolore non può essere trascurato. La protesta, pur determinata, deve restare, proprio come sta succedendo, nell’alveo della responsabilità e della civiltà. Mi scuso sin da ora, con i cittadini, per eventuali disguidi sulla viabilità, ma le eccezionali criticità che molti lavoratori si ritrovano a vivere riguardano tutti noi”, conclude il primo cittadino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

300 tir fermi a Cerignola, autotrasportatori non mollano: "Andremo avanti fino a quando non avremo risposte"

FoggiaToday è in caricamento