menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

C'è una San Severo che si ribella all'inciviltà: giovani fanno squadra e ripuliscono Largo Sanità

Un gruppo di ragazzi appartenenti alle delegazioni di 'San Severo siamo noi' e 'Giovani Democratici', nella giornata di ieri si sono recati presso 'Largo Sanità' per ripulire la zona: "San Severo va rispettata, amata e difesa"

C'è una San Severo che si oppone alla rassegnazione, che non ci sta a vedere la propria città alla mercé degli incivili. Ed è così che un gruppo di ragazzi appartenenti alle delegazioni di 'San Severo siamo noi' e 'Giovani Democratici', nella giornata di ieri si sono recati presso 'Largo Sanità' per ripulire la zona, troppo spesso vandalizzata e teatro di gesti incivili. Un gesto di amore per la propria città, ma anche un messaggio concreto a tutta la cittadinanza, perché prenda esempio e assuma dei comportamenti più rispettosi verso gli spazi pubblici. 

"Anche oggi abbiamo voluto dare l’esempio, spinti dall’amore per la nostra terra, affinché tutti vengano responsabilizzati verso un maggiore senso civico e contro ogni forma di inciviltà. Abbiamo raccolto bottiglie di ogni genere, rifiuti, estirpato erbacce. Ringraziamo infinitamente anche i nostri operatori ecologici che continuano a svolgere un grande lavoro nella nostra città e nelle aree verdi e soprattutto perché non appena allertati, si sono prontamente recati in loco per ritirare i sacchi di spazzatura raccolti", racconta Francesco Mirando di 'San Severo Siamo Noi'. 

"Insieme ai Gd abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e dare così l'esempio, soprattutto ai più giovani, perché il rispetto e la tutela del nostro territorio sono aspetti fondamentali del nostro essere cittadini. San Severo va rispettata, amata e difesa. Pertanto - conclude - non smetteremo mai di dedicarci alla nostra terra e alla sua tutela, perché di mezzo c'è il nostro futuro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento