Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riapre al traffico la Statale 90 'delle Puglie': "Solleva il nostro territorio e gli utenti dopo gli enormi disagi e le difficoltà"

Gli automobilisti dovranno osservare il senso unico alternato e regolato da impianto semaforico. La direttrice a confine tra Puglia e Campania era stata chiusa al transito dei veicoli lo scorso 23 agosto, in seguito al pericolo 'caduta massi' causato dalla serie di incendi boschivi che, in quei giorni, colpirono la zona

 

Riapre al traffico la Statale 90 'delle Puglie', tra Orsara di Puglia e Montaguto. La direttrice a confine tra Puglia e Campania era stata chiusa al transito dei veicoli lo scorso 23 agosto, in seguito al pericolo 'caduta massi' causato dalla serie di incendi boschivi che, in quei giorni, colpirono la zona.

Per rimuovere i massi pericolanti è stato necessario l’intervento di un gruppo di ‘rocciatori’ professionisti che hanno bonificato l'area da sassi e rocce instabili e da tutto ciò che potesse costituire un pericolo per la viabilità. 

 A partire da questa sera, quindi, la Statale 90 sarà riaperta al traffico: gli automobilisti dovranno osservare il senso unico alternato e regolato da impianto semaforico. “La riapertura solleva il nostro territorio e gli utenti della strada dalle enormi difficoltà e dai disagi legati a queste settimane di interruzione”, ha spiegato a FoggiaToday il sindaco di Montaguto, Marcello Zecchino.

Il prolungato stop ai veicoli lungo l’arteria, infatti, avrebbe rischiato di causare gravi danni all’economia dei paesi al confine tra Monti Dauni ed Alta Irpinia, lungo la valle del Cervaro. “Questo importante risultato - continua Zecchino - non è solo un punto di arrivo ma è anche l’inizio della seconda fase, finalizzata alla progettazione e realizzazione delle opere definitive di protezione, cosi come stabilito nella riunione coordinata dalla Prefettura di Avellino, lo scorso 26 agosto”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento