Attualità

Puglia ancora arancione ma quasi tutta l'Italia da oggi è gialla. Lopalco tranchant: "Il virus ringrazia"

16 regioni e province autonome gialle, cinque regioni tra cui la Puglia arancioni. "Il virus ringrazia"

16 regioni e province autonome gialle e cinque arancioni. Questa la cartina epidemiologica dell'Italia a partire da oggi lunedì 1 febbraio 2021.  Semaforo arancione per Puglia, Sicilia, Sardegna, Umbria e Trentino Alto Adige (provincia autonoma di Bolzano).

Disappunto è stato ribadito dall'epidemiologo Pierluigi Lopalco con un post su Facebook intitolato 'La dittatura dell'algoritmo'. "Quasi tutto il Paese si colora di giallo. Il virus ringrazia. La scelta dl Governo è inappuntabile: c'è una regola condivisa ed in base all'algoritmo l'Italia è gialla. Punto. 

Eppure il segnale che questo algoritmo, tutto incentrato su Rt, facesse acqua era già evidente quando, davanti alla possibilità che l'Italia di colorasse di giallo già diverse settimane fa, le soglie per il passaggio da una fascia all'altra erano state modificate al ribasso. 

A quanto pare non è bastato. Quando in tutta Europa, di fronte alle incertezze derivate dalle nuove varianti e nel pieno dell'inverno, si decide di stringere le misure, nel nostro Paese ci si affida in modo pilatesco ad un algoritmo per allentare le misure.

Basteranno gli inviti alla prudenza dei cittadini? Dubito. Le scene registrate in dicembre quando molte regioni (fra cui la Puglia) passarono in zona gialla le ricordiamo tutti.

Lo so che sarò impopolare (sono un pessimo politico): ma lasciare al virus la briglia sciolta in questo momento può essere un errore imperdonabile"

PUGLIA RESTA ZONA ARANCIONE

In Puglia verrà richiesta sempre l'autocertificazione dalle 22 alle 5 durante il coprifuoco e per giustificare gli spostamenti fuori dal proprio comune, vietati salvo per comporvate esigenze di lavoro, studio, salute, necessità e per usufruire dei servizi non sospesi e non disponibili all'interno del proprio comune. Sono vietati gli spostamenti fuori Regione.

All'interno del proprio Comune è fortemente raccomandato di non spostarsi dalle 5:00 alle 22:00 salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute, necessità e per usufruire di servizi non sospesi

Resta consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata (visite ad amici e parenti), all'interno del proprio Comune, una sola volta al giorno tra le 5 e le 22, nei limiti di due persone. Sono esclusi dal conteggio minori di anni 14, disabili o non autosufficienti conviventi

Nei piccoli Comuni con massimo 5mila abitanti saranno consentiti spostamenti in un raggio di 30km (eventualmente anche in un'altra Regione) con divieto di spostamento nei capoluoghi di provincia. L'attività motoria è consentita solo nel proprio Comune

E' possibile recarsi in un altro Comune (nella stessa Regione) per attività sportiva solo qualora questa non sia disponibile nel proprio Comune (per esempio, nel caso in cui non ci siano campi da tennis), oppure nel caso in cui questa comporti uno spostamento (per esempio corsa o bicicletta), purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza

Ristoranti/locali aperti solo per asporto dalle 5 alle 22 mentre la consegna a domicilio èsempre consentita

Bar, gelaterie e pasticcerie aperti sono aperti solo per asporto dalle 5 alle 18. La consegna a domicilio sempre consentita. Mostre e musei chiusi. È possibile praticare l’attività venatoria o la pesca dilettantistica nel proprio Comune

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia ancora arancione ma quasi tutta l'Italia da oggi è gialla. Lopalco tranchant: "Il virus ringrazia"

FoggiaToday è in caricamento