menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con i sindaci foggiani anche 10 colleghi baresi rivogliono la zona arancione. "Emiliano valuterà entro 48 ore"

Nella Puglia 'Zona gialla' dieci sindaci della provincia di Bari hanno chiesto a Michele Emiliano di ritornare nella 'Zona arancione'

Le preoccupazioni di buona parte dei sindaci foggiani e del numero uno di palazzo dogana Nicola Gatta, sono le stesse dei colleghi baresi.

Come riporta Baritoday, i primi cittadini di Altamura, Gravina di Puglia, Acquaviva delle Fonti, Poggiorsini, Santeramo, Cassano delle Murge, Grumo Appula, Toritto, Ruvo di Puglia e Sannicandro hanno firmato una nota indirizzata al presidente Emiliano chiedendogli di far ritornare i loro comuni nella zona 'arancione'.

Nel corso di una videoconferenza con il presidente e con l'assessore alla Salute Pierluigi Lopalco, i dieci sindaci hanno ribadito che la situazione epidemiologica nelle loro città sarebbe tale da non poter abbassare la guardia.

"Non possiamo permetterci di sostenere una terza ondata. Il presidente Emiliano ha detto che in 48 ore valuterà la situazione e probabilmente arriveranno nuove restrizioni" le parole del sindaco di Gravina Alesio Valente nel corso di una diretta Facebook.

Restrizioni che potrebbero arrivare già domani ed entrare in vigore lunedì o al massimo martedì.  

Oggi 6 dicembre e nell'ultima settimana, in provincia di Bari si è registrato un numero di contagi elevato, il più alto in percentuale delle sei province pugliesi. A seguire Foggia e la Bat, le due province che insieme a una parte della Murgia, sono a un passo dalla zona arancione.

Lo spostamento da un comune all'altro sarà uno dei nodi da sciogliere. D'altronde qualche giorno fa era stato lo stesso Emiliano a dichiarare che il divieto di spostamento tra comuni è "surreale".

Molto più complessa appare la questione ristori. Migliaia di bar e ristoranti hanno fatto ulteriori investimenti per riaprire, ma rischiano di dover nuovamente abbassare le saracinesche.

Accetterebbero di chiudere, ma non senza la garanzia di un rimborso o un contributo economico pari alle spese sostenute. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento