Bosco Incoronata: arrivano le pattuglie antincendio a cavallo

I volontari della Protezione civile del Radio Club Marconi pattuglieranno a cavallo l'area verde, per segnalare i focolai di incendi e intervenire anche nelle zone più impervie e inaccessibili ai normali mezzi antincendio

Parco dell'Incoronata: nello spazio forestale a pochi chilometri da Foggia è stato istituito un nuovo importante servizio. I volontari della Protezione civile del Radio Club Marconi pattuglieranno a cavallo l'area verde, per segnalare i focolai di incendi e intervenire anche nelle zone più impervie e inaccessibili ai normali mezzi antincendio. 

Non è la prima volta che si utilizzano pattuglie montate per la perlustrazione del Parco: già nel 2014, l’Amministrazione aveva siglato un’intesa con l’Iriip, la Polizia Locale di Foggia e il Santuario, organizzando le periodiche perlustrazioni a cavallo da parte di una coppia di agenti che prestavano anche servizio di rappresentanza in occasione delle principali cerimonie ospitate nella Chiesa del santuario, grazie ai cavalli di razza 'Murgese' messi a disposizione dall’Istituto di Incremento Ippico e ospitati gratuitamente in un maneggio locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La prima ondata di caldo che stiamo vivendo riporta prepotentemente alla ribalta il problema degli incendi boschivi che puntualmente, in estate, colpiscono e devastano il patrimonio naturale del nostro territorio", ha dichiarato il consigliere comunale Alfonso Fiore, nonché delegato al Parco Regionale di Bosco Incoronata. "Questa nuova iniziativa - conclude Fiore - è uno degli strumenti che dobbiamo mettere in campo per proteggere i polmoni verdi disseminati sui Monti Dauni e nel Tavoliere, che sono solo povere vestigia delle rigogliose foreste di un tempo ma che devono essere difese per mantenere la biodiversità, garantire i processi di naturale trasformazione dell’anidride carbonica, mantenere in qualche misura l’equilibrio idrogeologico delle aree interessate e, non ultimo, tenere in vita una testimonianza storica vivente di una selva nel quale si svolsero vicende importanti per la storia di Foggia e della intera Capitanata". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento