menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il panaro solidale a Lucera

Il panaro solidale a Lucera

Dai quartieri di Napoli a Lucera, "Chi può metta, chi non può prenda". Il panaro solidale arriva anche in provincia di Foggia

L'iniziativa funziona anche nel centro federiciano. L'intera comunità è orgogliosa dell'esempio di una giovane concittadina. Si moltiplicano i cesti di generi alimentari per le famiglie in difficoltà durante l'emergenza Coronavirus

Il panaro solidale arriva anche in provincia di Foggia. Stamattina, in via d'Auria a Lucera, Angela ha provato a lasciare un cesto davanti al cancello di casa con le parole di San Giuseppe Moscati: "Chi può metta, chi non può prenda". All'interno taralli, pasta, acqua, spazzolino e detergente. Dopo poche ore i cesti sono diventati due, pieni zeppi di generi alimentari. Lucera ha risposto subito presente alla mobilitazione spontanea per aiutare le famiglie in difficoltà durante l'emergenza Coronavirus.

Angela Sasso, una ragazza di 29 anni con un piccolo negozietto nel centro federiciano, ha importato l'iniziativa nata nel cuore di Napoli, che sta facendo il giro dell'Italia, soprattutto al Sud. L'ha spinta col passaparola, nutrendo la speranza che i lucerini potessero farla propria e portarla negli altri quartieri della città. "Tanti miei concittadini stanno portando generi di prima necessità, e poi salviettine, shampoo, di tutto. Io sto donando anche un po' di intimo". Non credeva ai suoi occhi quando ha visto che aveva funzionato e si commuove quando pensa a quello che sta passando chi non può permettersi più di mettere il piatto a tavola: "Per fortuna il Signore mi fa stare bene e spero soltanto che chi ne ha bisogno possa ritirare queste cosine, perché a me piange il cuore se c'è gente che non mangia e nel mio piccolo vorrei aiutarla".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento