Un secolo di vita, dagli Usa a Orsara di Puglia: il paese in festa per i 100 anni di Nonna Carmela

Nata negli Usa il 7 febbraio 1920, ha visto succedersi 8 pontefici, 12 presidenti e 66 governi. Divenuta presto vedova, ha assicurato un futuro a se stessa e al figlio col suo lavoro di sarta

La Signora Carmela Poppa, orsarese doc, il 7 febbraio 2020 compirà 100 anni. Per l’occasione, Tommaso Lecce, sindaco di Orsara di Puglia, le consegnerà una targa e un omaggio floreale. La nuova centenaria vive da sola. Sta bene, è autonoma e lucidissima. La sua storia è cominciata il 7 febbraio 1920 negli Stati Uniti d’America, dove è nata. All’ombra della Statua della Libertà ha compiuto i suoi primi passi, poi, dopo la decisione presa dai suoi genitori di tornare nel proprio paese d’origine, Carmela Poppa è cresciuta e diventata grande a Orsara di Puglia. Da vedova, è riuscita ad allevare da sola il suo unico figlio.

Ci è riuscita anche grazie alla sua bravura come sarta, il lavoro di una vita tra stoffe e cuciture per superare le difficoltà, vivere una vita dignitosa e assicurare un futuro a se stessa e a suo figlio. Ha vissuto l’epoca dei totalitarismi, è riuscita ad affrontare e superare gli anni durissimi della seconda guerra mondiale. Da quando è nata, si sono succeduti 8 pontefici, 12 presidenti e 66 diversi governi della Repubblica Italiana.

Questo il testo della targa che le sarà consegnata: “Alla Signora Carmela Cocca per il suo centenario, per la sua capacità di insegnare a tutti noi come affrontare e superare le difficoltà, tessendo la trama di una vita fatta di determinazione e coraggio. Gli auguri, l'affetto e la stima della tua Comunità - L'Amministrazione Comunale di Orsara di Puglia”. “E’ bello festeggiare i nostri centenari”, ha dichiarato il sindaco Tommaso Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli anziani rappresentano i valori e il senso di appartenenza a una Comunità affezionata ai propri nonni, alle proprie radici. Sono persone molto importanti anche per continuare a costruire un futuro più ricco di umanità: chi arriva a compiere 80, 90 o 100 anni, infatti, ha vissuto gli anni della Seconda Guerra Mondiale e quelli successivi, quando fu ricostruito il Paese e si avviò la fase che ha portato alla nascita dell’Europa unita. Abbiamo molto da imparare dai nostri anziani”, ha aggiunto Tommaso Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento