Altro che Royal Wedding: una sposa americana, il truccatore di Jennifer Lopez e ospiti internazionali a Orsara

Insolita cerimonia nuziale, sabato 19 maggio, sui monti dauni. Gli sposi hanno scelto un menù con il meglio del “made in Capitanata”. Il sindaco Lecce: “Il matrimonio internazionale può essere veicolo di promozione territoriale”

Un momento della cerimonia

“Il royal wedding? Lo abbiamo avuto anche noi, a Orsara di Puglia, è stata un’emozione incredibile”. E’ Tommaso Lecce, sindaco di Orsara di Puglia, a esprimere la propria soddisfazione per aver celebrato, sabato 19 maggio, la cerimonia civile di un matrimonio che ha portato in paese persone provenienti da tutto il mondo.

“E’ stato un vero e proprio matrimonio internazionale”, ha raccontato il primo cittadino. A Villa Jamele, con lo “chef dei due mondi” Peppe Zullo a fare da padrone di casa, sabato 19 maggio sono stati accolti ospiti provenienti da Stati Uniti, Australia, Porto Rico, Argentina, Lussemburgo, Repubblica Ceca, Francia, Spagna e da ogni parte d’Italia. A unirsi in matrimonio, con cerimonia civile officiata dal sindaco Tommaso Lecce, sono stati Lisa Marie, una cittadina statunitense con origini portoricane, e Donato, affermato enologo internazionale originario di San Severo. Una curiosità: il truccatore che ha reso la sposa ancora più bella, giunto da New York, è lo stesso al quale si rivolge Jennifer Lopez prima di ogni evento importante. A regalare un’atmosfera internazionale, che ha ricordato il più celebre royal wedding andato in mondovisione in questi giorni, c’è stata anche l’automobile scelta dagli sposi, una meravigliosa Bentley messa a disposizione da Peppe Zullo.

la Bentley usata dagli sposi-2

“Il mondo del matrimonio internazionale è una splendida opportunità, per Orsara di Puglia e tutto il nostro territorio, di valorizzare l’enorme patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico della nostra Capitanata”, ha aggiunto Tommaso Lecce. In sala, invitati dallo sposo, c’erano enologi provenienti da tutto il mondo. Gli ospiti hanno potuto degustare diversi vini della provincia di Foggia premiati in tutto il mondo. Particolarmente apprezzate le vinificazioni Nero di Troia. Menù fra tradizione e inventiva, basato esclusivamente sul meglio del meglio della produzione “made in Capitanata”: dal grano arso agli asparagi, la burrata pugliese, il lampascione, i pomodori, la ormai celebre parmigiana di borragine, il tiramiSud alla Peppe Zullo, il cacioricotta, le carni, i formaggi, il cibo dei fiori e altre meravigliose prelibatezze. “Orsara di Puglia e la Daunia sono il cuore di un mondo di biodiversità che non ha eguali. Dobbiamo continuare a valorizzare questo tesoro di inestimabile valore con ogni strumento utile. La nuova tendenza di sposarsi in location d’autore può essere uno di quegli strumenti, per questo abbiamo acconsentito al fatto di far celebrare il rito religioso del matrimonio in un luogo che non fosse il Municipio. E’ stata una scelta giusta. Vedere lo stupore e la meraviglia negli occhi degli ospiti venuti da tutto il mondo è stato motivo di grande orgoglio. La speranza è che sempre più visitatori stranieri arrivino a Orsara di Puglia questa estate: abbiamo molti eventi culturali e tanti luoghi d’interesse da poter fare ammirare”, ha concluso Tommaso Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento