rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Attualità

La verità sui bombardamenti del '43 a Foggia: scoperte età e provenienza dei 2mila morti (e non 20mila)

L’obiettivo della ricerca è coprire il debito di riconoscenza che Foggia aveva nei confronti delle migliaia di cittadini che perirono innocentemente in quei tremendi quattro mesi, e delle loro famiglie. La ricerca è in progress: i dati potranno essere integrati, corretti o cassati, anche grazie al contributo dei cittadini

Continua, e si arricchisce di importanti e preziose informazioni, il censimento delle vittime dei bombardamenti su Foggia del 1943. Partita nel 2013, la ricerca storica portata avanti dalla biblioteca di Foggia, ‘la Magna Capitana’ per dare un nome al maggior numero possibile di vittime dei bombardamenti aerei su Foggia del 1943 approda a un importante traguardo.

La Magna Capitana presenta oggi, a cittadini, famiglie, autorità, storici e studiosi, l’ultimo aggiornamento della ricerca e, soprattutto, l’estrazione di ben quattro tipi di dati. Dopo circa nove anni, il risultato è importante e, soprattutto, rincuorante, per l’ampiezza dei dati raccolti e perché, verosimilmente, dimostra come non morirono oltre 20.000 persone, come si è sempre pensato, ma molte migliaia di meno, fortunatamente. Questa tragica pagina di storia foggiana e italiana è presente in maniera dettagliata, anche se non esaustiva, sul portale della biblioteca nella sezione denominata ‘Meravigliosa Capitanata’.

Secondo gli ultimi dati, aggiornati a febbraio dell’anno in corso, il numero delle persone decedute nel 1943 ammonta a 1.912 unità (1.205 uomini, 636 donne, 71 ignoti). Va precisato che lo scarto di tre nominativi in meno non va inteso come mera cancellazione di tre deceduti dal precedente aggiornamento di novembre 2021 (che era di 1.915 persone), ma è il risultato della revisione periodica del censimento, sulla base di nuove indagini, con l’inserimento di nuovi nomi e con la cancellazione di altri, erroneamente inclusi nelle prime due pubblicazioni in rete.

Grazie ai dati aggiornati del censimento, è stato possibile estrarre una serie di altre preziose informazioni. Innanzitutto l’elenco completo delle fonti utilizzate con l’indicazione dei registri e il numero di deceduti ricavati da ognuna di esse. Un’importante traccia, questa, utile per chi vorrà verificare, contestare, correggere o integrare i dati trovati e pubblicati. Il dato finale è infatti il risultato della consultazione di numerosi archivi, pubblici e privati. Un percorso vasto e complesso, arricchito da mirate ricerche svolte anche sul web, su documenti monografici e fonti periodiche, consultando gli archivi di altri comuni della provincia, chiedendo e ottenendo l’aiuto dei cittadini e intervistando numerosissimi anziani.

La seconda estrazione riguarda le date di morte delle persone decedute, un lavoro, questo, che evidenzia con estrema chiarezza che, se da un lato non sapremo mai quante persone perirono in quella estate e nei mesi successivi, dall’altro possiamo rilevare come non furono solo le giornate di bombardamenti a provocare quelle migliaia di morti ufficiali, risultato di una contabilità affrettata e priva di fonti accreditate. La terza estrazione di dati riguarda invece i luoghi di nascita delle persone decedute. Sebbene elaborato, per ovvie ragioni, non in maniera esaustiva, l’elenco fornisce a tante amministrazioni comunali e famiglie italiane, una indicazione più o meno precisa della tragica fine che fecero loro concittadini e familiari e di cui magari, a 80 anni dai fatti, nulla ancora sanno.

Infine l’età dei deceduti. Uno spaccato terribile: dalle 8 ore di vita della persona più giovane ai 93 anni della più anziana. La suddivisione per fasce di età restituisce una immagine eloquente di una parte di generazione di giovani venuta meno a causa di quei bombardamenti e di quella folle guerra. L’obiettivo della ricerca, come è noto, è quello di coprire il debito di riconoscenza che la città aveva nei confronti delle migliaia di cittadini che perirono innocentemente in quei tremendi quattro mesi di quell’anno, e delle loro famiglie. Non era pensabile che dopo oltre 70 anni Foggia non solo non avesse un monumento a ricordo di quella tragedia, ma che delle vittime non si sapesse nulla. 

Il lavoro condotto dalla Biblioteca punta, come obbligo morale, a rinsaldare la memoria storica attraverso la costruzione di un “monumento” alternativo a quelli tradizionali: un Censimento ove poter leggere i nomi di chi lasciò la vita in quella tragedia, voluta dal Fascismo e aggravata dalle bombe degli alleati. È sempre opportuno ribadire come la biblioteca “La Magna Capitana” abbia inteso svolgere solo una ricerca storica sui nomi e non sui numeri, anche perché non sapremo mai, fino a prova contraria e certificata, quanti perirono. 

Ovviamente si tratta di una ricerca in progress: in qualunque momento i dati presenti sul nostro sito potranno essere integrati, corretti o cassati, proprio grazie al contributo dei cittadini o all’affinamento della ricerca da parte del suo curatore – o di chi vorrà farlo – inviando una mail a:  m.detullio@regione.puglia.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La verità sui bombardamenti del '43 a Foggia: scoperte età e provenienza dei 2mila morti (e non 20mila)

FoggiaToday è in caricamento