Il viaggio di Alessandro, da Foggia a Bigene dove sorge il reparto di maternità voluto da suo padre: "Dovevo continuare il suo lavoro"

Alessandro Centra, insieme a tre fotografi, è tornato in Guinea Bissau per supportare la missione di Don Marco Camilletti, attraverso la realizzazione di un reportage: le foto saranno messe in mostra i cui proventi saranno destinati alla costruzione di un pozzo nel villaggio della Guinea

Il nuovo anno è nato sotto la stella della solidarietà per Alessandro Centra, foggiano doc che, assieme ai fotografi Alfredo Urbano, Michele Angler e Antonio Corbi è tornato per la seconda volta in terra d’Africa a supportare la missione di Don Marco Camilletti.

Alessandro è figlio del Dott. Giuseppe Centra già Primario di Radiologia agli OO.RR. di Foggia, già Presidente del Rotary Club e promotore della costruzione di un reparto maternità nel villaggio di Bigene, laddove si contano tassi di mortalità infantile elevatissimi e assenza pressoché totale di molti beni di primaria necessità e sostentamento.

Progetto, quello del reparto di maternità, ultimato all’incirca due anni fa e purtroppo mai visto con gli occhi dal Dott. Centra, venuto a mancare poco prima della conclusione dello stesso.

“Per questo motivo ho deciso di partire per la Guinea, pur non essendo medico: sentivo la necessità di continuare il lavoro di papà in questa terra.” Racconta il figlio Alessandro. “Durante l’anno ho organizzato a Foggia diverse raccolte fondi e in una di queste ho conosciuto Alfredo di professione fotografo; è voluto venire qui con me insieme ai fotografi e videomaker Antonio e Michele”.

“Lo scopo della loro presenza”, spiega, “è realizzare un reportage che racconti la vita nel villaggio, i sorrisi dei bambini, il lavoro svolto da Don Marco e la semplicità della vita degli abitanti di Bigene”. Queste foto hanno l’ambizione di divenire poi una mostra, e dalla vendita di queste ricavare dei fondi per la costruzione di un pozzo nel villaggio della Guinea. Viviamo le nostre vite così freneticamente che neanche immaginiamo che, in altre parti del mondo, ci sono persone e bambini alle quali mancano beni per noi scontati, come l’acqua.

Don Marco Camiletti (a Bigene da ormai 7 anni) persona straordinaria anch’egli di Foggia, è stato il faro e il punto di riferimento in questa missione. C’è una parte di Foggia positiva che cerca di fare cose buone, che non è indifferente alle difficoltà altrui, che sa che la vita non è fatta solo di “soldi”, ma che la felicità si concretizza in buone azioni e sorrisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Grazie al Rotary Club, e soprattutto grazie al mio papà, se non fosse stato per lui non sarei qui e non avrei mai visto la bellezza infinita di questa terra: è un viaggio che ti cambia la vita”, Conclude Alessandro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento