rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Attualità

Marino Bus offre viaggi agli ucraini in fuga dalla guerra: "Non potevamo girare la testa dall'altra parte"

Con MarinoBus, trasferimenti gratuiti per i profughi in ingresso in Italia e bisognosi di raggiungere le destinazioni più lontane. Garantito il biglietto gratuito sulle tratte a lunga percorrenza a chi proviene dalle aree del conflitto: occorre prenotare contattando il nr. +39 080.3112335

MarinoBus, il marchio italiano del trasporto passeggeri su gomma, risponde agli appelli alla solidarietà nei confronti dei cittadini ucraini in fuga dal conflitto che ha investito il loro Paese e che cercano rifugio anche in Italia. A chi è fornito di passaporto ucraino, MarinoBus offre gratuitamente la possibilità di viaggiare sui propri automezzi di linea ? impiegati nelle tratte a lunga percorrenza - per riuscire a raggiungere le mete più distanti, ad esempio Puglia, Campania, Calabria e Basilicata da tutte le città del Centro-Nord Italia servite (ad es: Milano, Trieste, Trento, Udine, ecc.). Il servizio permetterà così di rendere più semplici i ricongiungimenti dei profughi con i familiari che vivono in Italia o il raggiungimento di luoghi di ospitalità sicuri.

Il servizio è già attivo e, per usufruire di questa possibilità, è necessario rivolgersi al call center dell?azienda che risponde al numero telefonico +39 080.3112335: a rispondere sarà il personale MarinoBus in grado di dialogare nelle principali lingue europee (oltre ovviamente all?italiano, anche inglese, francese, spagnolo e tedesco). Affinché il servizio possa essere garantito quanto più possibile anche ai profughi in grado di esprimersi soltanto nella propria lingua natia, l?azienda ha provveduto a comunicare l?iniziativa anche ad alcune delle rappresentanze diplomatiche di Kiev nel nostro Paese: in tal modo, queste potranno informare dell?opportunità i propri cittadini in ingresso in Italia e assisterli nella fase di prenotazione. 

?Di fronte a una situazione così drammatica e preoccupante, non si può restare semplici spettatori ma si ha il dovere etico di sostenere, con un aiuto concreto e nei limiti delle proprie possibilità, bambini, donne e uomini che - inevitabilmente smarriti, disorientati e fragili - arrivano dall?Ucraina in un paese straniero. In MarinoBus, ci siamo trovati tutti concordi sulla necessità di fare anche la nostra parte: cercheremo di fare del nostro meglio, sperando che possa presto prevalere la ragione e questa tragica guerra concludersi? commenta Gerardo Marino, Amministratore Unico di MarinoBus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marino Bus offre viaggi agli ucraini in fuga dalla guerra: "Non potevamo girare la testa dall'altra parte"

FoggiaToday è in caricamento