rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022

Maria Chiara Giannetta, l'orgoglio del Teatro Limoni dove tutto è cominciato: "Lo siamo anche di chi non è andato a Sanremo"

Il commento del direttore artistico del Teatro dei Limoni, lì dove l'attrice di 'Don Matteo' e 'Blanca', ha iniziato il suo percorso artistico

"Merita quello che sta raccogliendo, è un'attrice che ha lavorato tanto e seriamente. Ha anche l'età giusta per raggiungere certi successi a livello nazionale". È il commento di Roberto Galano, direttore artistico del Teatro dei Limoni, lì dove Maria Chiara Giannetta ha iniziato il suo percorso artistico. L'attrice foggiana, già resa famosa dai successi in 'Don Matteo' e 'Blanca', è stata una delle protagoniste assolute del 72° festival di Sanremo, conclusosi sabato scorso. 

Un'attrice cresciuta in un teatro, non nei teatrini, anche se Galano smonta subito la polemica sulla parola di Amadeus giudicata infelice da molti: "Non credo che Amadeus volesse sminuire, non sa di cosa parla, non conosce Foggia, non conosce i teatri dove Maria Chiara si è formata e non è tenuto. Sono certo che non avesse intenzione di sminuire. E poi, se è arrivata lì partendo da un teatrino, immaginate che cosa avrebbe potuto fare se fosse partito da un teatrone". 

Il successo di Maria Chiara si aggiunge ai grandi risultati ottenuti da altri attori e professionisti del settore: "Siamo orgogliosi della nostra concittadina, siamo orgogliosi di Gianmarco Saurino, partito da qui, di Piergiorgio Martena che ha aperto un teatro vicino Lecce o di Ida Treggiari che lavora nell'ambito della regia a livello nazionale. E lo siamo di tanta gente che non ha fatto Sanremo, non è conosciuta al grande pubblico, ma sta lavorando".

Ma c'è anche il pensiero a chi continua a lavorare nel territorio: "Personalmente sono orgoglioso di quei professionisti formati che continuano a lavorare qui. Non è una cosa semplice, perché non è un territorio che si ricorda di chi resta, ma soltanto di chi va via". Sul successo, si concede una battuta: "Che cosa serve per diventare un bravo attore? Tanto c..o, soprattutto se non si hanno le raccomandazioni giuste. Bisogna trovarsi al posto giusto nel momento giusto ed essere, purtroppo in Italia, la faccia che stanno cercando in quel momento". Ma la fortuna, da sola, non basta: "Il talento paga, la gente davvero di talento non resta nascosta per troppo tempo. Prima o poi viene fuori". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Maria Chiara Giannetta, l'orgoglio del Teatro Limoni dove tutto è cominciato: "Lo siamo anche di chi non è andato a Sanremo"

FoggiaToday è in caricamento