rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022

Foggia vuole la pace. Il 'passo indietro" dei 500 in piazza contro la guerra in Ucraina: "E' una follia"

Il corteo ha visto in prima fila i rappresentanti del Comitato, promotori anche di un flash mob durante il quale hanno percorso il tragitto da via Lanza a Piazza Cesare Battisti, camminando a ritroso. La metafora del "passo indietro" che i manifestanti chiedono a tutte le parti in causa

Circa cinquecento persone hanno partecipato alla manifestazione per la pace, organizzata dal Coordinamento Capitanata. Un corteo che ha visto in prima fila i rappresentanti del comitato, promotori anche di un flash mob durante il quale hanno percorso il tragitto da via Lanza a Piazza Cesare Battisti, camminando a ritroso. La metafora del "passo indietro" che i manifestanti chiedono a tutte le parti in causa, da Putin a Zelens'kyj, ma anche all'Italia, agli Stati Uniti e all'Unione Europea. "Fare un passo indietro per fare un passo avanti nei negoziati e per chiedere che il Governo italiano arretri nella decisione di fornire armi", spiegano. 

"La pandemia della guerra si è scatenata. Una tempesta di morte e sofferenza che sembra impedire di fare qualunque cosa, con una forza terribile come quelle armi micidiali e vigliacche che distruggono tutto, senza volto che non sia quello del male. Non saremo neutrali, perché l'unica parte da scegliere è quella della pace. Stiamo dalla parte di chi è colpito, delle vittime, facciamo nostro il loro dolore. Ogni guerra lascia il mondo peggiore di come lo ha trovato, è un fallimento della politica e dell'umanità. Chi fa la guerra dimentica l'umanità, non guarda la vita concreta delle persone, ma si affida alla logica diabolica e perversa delle armi. Noi vogliamo essere custodi del nostro fratello Abele, che oggi si chiama Siria, Yemen, Afghanistan, Iraq, elenco a cui si aggiunge tragicamente l'Ucraina. Sentiamo immensa pietà per chi è nel dolore e soffre. La guerra è una pazzia", ha dichiarato Mons. Pelvi. 

"Tutto il mondo aiuta la nostra patria, perché tutti hanno capito che noi ucraini vogliamo vivere nella libertà con l'Unione Europea come tutti i paesi europei", le parole di Padre Oleg, sacerdote ucraino. 

Copyright 2022 Citynews

Si parla di

Video popolari

Foggia vuole la pace. Il 'passo indietro" dei 500 in piazza contro la guerra in Ucraina: "E' una follia"

FoggiaToday è in caricamento