Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un cuscino che scalda il cuore e dà sollievo: la "carezza" di Andos alle donne operate al seno

Il progetto ‘Dona un cuore per le donne’ prende spunto da un’iniziativa nata in Spagna dove una donna spagnola ha realizzato un cuscino per un’amica operata di tumore al seno. Un cuscino cucito a mano da poter utilizzare a livello ascellare, che non serve solo a scaldare il cuore, ma anche per dare sollievo a chi è stata appena operata al seno

 

Nella giornata di oggi Andos Comitato di Foggia OdV (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno), ha donato 38 cuori al Day Hospital Oncologico dell’Ospedale Lastaria di Lucera, attraverso il Responsabile della Struttura Semplice di Oncologia del Policlinico Riuniti di Foggia, dott. Maurizio Di Bisceglie ed il Capo Dipartimento della struttura Complessa, dott. Giuseppe Bove.

Il progetto ‘Dona un cuore per le donne’ prende spunto da un’iniziativa nata in Spagna dove una donna spagnola ha realizzato un cuscino per un’amica operata di tumore al seno, un gesto di affetto che si è rilevato anche molto utile per darle sollievo dopo l’operazione di dissezione ascellare.  E così, da una storia di amicizia pubblicata su Facebook l’iniziativa è entrata in diversi ospedali in tutta Italia.  L’associazione Andos Foggia, sempre sensibile alle problematiche legate al linfedema, credendo in questo progetto e nel desiderio di donare, si è rivolta ad un gruppo di donne di Lucera, rappresentate dalla sig.ra Antonia Burdi, che si sono attivate per realizzare questo progetto per donare i cuori al Reparto di Day Hospital Oncologico nell’ospedale Lastaria di Lucera.

Un cuscino cucito a mano da poter utilizzare a livello ascellare, che non serve solo a scaldare il cuore, ma anche per dare sollievo a chi è stata appena operata al seno.

Alle cure mediche si aggiunge un piccolo gesto di quelli capaci di accarezzare l’anima, che ha l’obiettivo di risolvere un problema reale: quasi tutte le pazienti, anche se viene loro asportato anche un solo linfonodo, lamentano del fastidio ascellare che rende più doloroso il recupero.

Oltre al cuscino, sono state consegnate delle borse di stoffa portadrenaggio per cercare di limitare il fastidio dato dal drenaggio stesso sia in termini di mobilità che dal punto di vista psicologico. Il progetto viene sostenuto dalla collaborazione di Andos (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) Comitato di Foggia OdV, la cui presidente è Elisabetta Valleri e le realizzatrici del progetto, donne di Lucera, rappresentate dalla sig.ra Antonia Burdi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento