Sabato, 15 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'aiuola diventa un orto didattico al Rione Candelaro, il raccolto alle famiglie bisognose: "È stata un'emozione per tutto il quartiere"

Il laboratorio, partito da due anni, è una delle attività del progetto RigenerAzioni finalizzato a creare una comunità educante nel quartiere di periferia. Sono stati coinvolti gli studenti dell'Istituto Comprensivo Santa Chiara-Pascoli-Altamura di Foggia

Finocchi, carciofi, broccoli, fave, radicchio, lattuga, cicoria e asparagi: li hanno coltivati e raccolti con le loro mani gli studenti dell’Istituto Comprensivo Santa Chiara-Pascoli-Altamura di Foggia, nell’ambito del progetto RiGenerAzioni.

Il piccolo orto scolastico si trova nel cuore del Rione Candelaro, alla periferia della città, nel plesso di via Petrucci. Il laboratorio ortodidattico, partito da due anni, è una delle attività del progetto che si propone di avviare un processo di cambiamento nel quartiere per rispondere alle povertà educative, partendo da un lavoro ideato e strutturato con le scuole e pensato per coinvolgere tutte le agenzie educative del territorio in collaborazione con numerosi partner per creare una comunità educante. Soggetto capofila è l'A.p.s. Sacro Cuore e il progetto è stato selezionato da 'Con i Bambini' nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà minorile.

Da un'aiuola è nata un'aula a cielo aperto, come la definisce il tutor del laboratorio Antonio Melchionda. L'orto è stato realizzato recuperando uno spazio dismesso nel cortile dell'istituto e rappresenta l'essenza del 'prendersi cura', concetto abbinato alla solidarietà. Le cassette riempite, infatti, saranno donate alle famiglie bisognose del Rione Candelaro, contribuendo ad un'altra azione del progetto, quella per il sostegno viveri già attiva con il supporto del Banco Alimentare della Daunia Francesco Vassalli Onlus.

"L'idea è di rendere i ragazzi protagonisti e partecipi di qualcosa di bello e di generativo - spiega il responsabile di progetto Massimo Marino, presidente dell'associazione capofila - Molte volte si accusano di azioni vandaliche, invece questa è la prova di come, se guidati e accompagnati possono essere responsabilizzati e impegnarsi a produrre qualcosa di buono per sé e per gli altri".

Il contatto con la terra ha entusiasmato gli alunni della scuola secondaria primo grado ed è stata un'emozione per il quartiere che ha vissuto un'iniziativa completamente nuova.

"Partendo dalle piccole cose, perché anche far nascere una piantina richiede molta cura e molta attenzione, un domani potranno maturare questa attenzione anche rispetto al proprio progetto di vita, alla comunità e al quartiere in cui vivono"

Si parla di

Video popolari

Un'aiuola diventa un orto didattico al Rione Candelaro, il raccolto alle famiglie bisognose: "È stata un'emozione per tutto il quartiere"

FoggiaToday è in caricamento