Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

Indagini sull'affidamento Amiu, Cardellicchio rassicura i foggiani: "Occhi spalancati, ma senza preconcetti"

Il componente della commissione straordinaria che gestisce il Comune di Foggia rompe il silenzio sulla vicenda giudiziaria

La gestione dei rifiuti a Foggia, “diversamente dal passato, in presenza di un complesso contratto, vede in corso un costante, pressante e continuo monitoraggio delle attività, degli investimenti e delle iniziative necessarie per migliorare l’andamento di questo essenziale servizio, che deve raggiungere nei tempi necessari quel miglioramento organizzativo indispensabile per giungere ad un auspicato regime totalmente differenziato”.

Ad affermarlo è il commissario straordinario Vincenzo Cardellicchio, che rompe il “doveroso, obbligatorio e rispettoso silenzio” mantenuto durante l’attività di acquisizione di dati, atti, informazioni e dichiarazioni operata dai militari delle Fiamme Gialle sul’affidamento del servizio ad Amiu.

L'indagine, lo ricordiamo, è scattata a seguito di un esposto presentato da associazioni e cittadini che, qualche giorno fa, hanno presentato un'ulteriore integrazione. Alla Guardia di Finanza, l’amministrazione comunale rivolge “il più fervido ed incondizionato ringraziamento per il difficile compito che l’ordinamento affida”.

L’ex prefetto torna a farsi sentire in giorni “ancora una volta tragicamente macchiati di sangue omicida, addirittura trascurati o marginalizzati dalle assuefatte cronache nazionali”, scrivono da Palazzo di Città.

“Per un servitore, come io sono, confidare nell’azione di altri organi dello Stato non è una frase di rito ma è un principio etico ed esistenziale; considero infatti l’azione di magistrati e degli operatori di Polizia parte di me stesso e del mio stesso lavoro – dichiara Cardellicchio - Per questo assicuro tutti che non ci sarà alcuna flessione o rallentamento nelle molteplici attività che il Comune sta cercando di portare avanti in quello ed in altri settori in cui anche i dirigenti che in questa vicenda sono interessati sono protagonisti di alto profilo professionale”.

Il commissario straordinario subentrato in sostituzione di Marilisa Magno, riconosce come “giustamente” il tema dei rifiuti sia in cima alle preoccupazioni degli utenti, cittadini o associazioni che siano. E garantisce “occhi non aperti ma spalancati, senza sconti ma senza preconcetti e senza confidare in pericolose antistoriche semplificazioni”.

Il rinnovato management della partecipata Amiu Puglia, e le figure dirigenziali interne che “ora finalmente ci sono settimanalmente”, fa sapere Cardellicchio, registrano l’andamento progressivo dei lavori, “consapevoli tutti della collaborazione che l’apparato comunale ed i commissari offrono loro ma anche del rigore che si pretende nei risultati di avanzamento”.

Difende i dirigenti coinvolti nelle vicende giudiziarie che, ricorda, sono ancora in “una fase d’esame e non di giudizio o, peggio, di pregiudizio, e tuttora al vaglio degli inquirenti”: “Sono parte di un ristretto numero di vertici burocratici, alcuni persino ancora precari – afferma - Protagonisti impegnati, insieme alle migliori risorse umane del Comune, in molti e straordinariamente difficili tavoli di lavoro che sono certo continueranno a lavorare con comprovata competenza, e così ritengo essere per l’attuale management della partecipata comunale, sensibile ed impegnato per lo sviluppo contrattuale cui Amiu è assoggettata”.

Rassicura i cittadini che si dovessero sentire disorientati: “Senza distrazione alcuna, continuerà il tenace immutato impegno volto a conseguire con ancora maggiore determinazione i molti obiettivi prefissati per migliorare la vita della città, di curarne e difendere strenuamente il rilancio di immagine in ogni sua espressione per migliorare il paradigma culturale con cui viene rappresentata come area di soli sedimenti criminali cercando, invece, con equilibrio, misura e grande rispetto, di restituirle quella normalità e quel giusto ruolo che in tanti, invece, giustamente auspicano”.

A proposito di vivibilità, il commissario straordinario menziona anche la “fioriera che sciaguratamente qualcuno aveva posto sullo scivolo realizzato a favore di cittadini con ridotta abilità motoria, che è stata ‘manu militare’ rimossa”: “Un fatto banale, che banale invece non è mai”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagini sull'affidamento Amiu, Cardellicchio rassicura i foggiani: "Occhi spalancati, ma senza preconcetti"
FoggiaToday è in caricamento