L'UniFg per la prima volta nel Consiglio Universitario Nazionale: eletto il prof. Maurizio Quinto

Col 63% dei voti, l'associato di Chimica Analitica del Dipartimento di Scienze Agrarie andrà a rappresentare le "ragioni delle Università del Sud". Congratulazioni dalla comunità accademica

Grazie a una significativa percentuale di preferenze (pari al 61% dei votanti), il prof. Maurizio Quinto (associato di “Chimica analitica” al Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente dell’Università di Foggia) è stato eletto nel Consiglio Universitario Nazionale (C.U.N.).

Composto da 58 consiglieri, il C.U.N. è organo consultivo e propositivo del Ministero dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca, e come tale esprime pareri, formula proposte, adotta mozioni, raccomandazioni, svolge attività di studio e analisi su ogni materia di interesse per il sistema universitario. In seguito all’elezione del prof. Quinto, per la prima volta l’Università di Foggia sarà rappresentata all’interno nel C.U.N.: un importante risultato soprattutto in considerazione delle mansioni di questo organo, che svolge funzioni propositive su tutti gli argomenti di interesse per il sistema universitario e che lavora a stretto contatto con il M.I.U.R.. 

«Al prof. Quinto – commenta il Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci – vanno le congratulazioni di tutta la Comunità accademica, nella certezza che saprà far valere le ragioni e i meriti della nostra e delle altre Università del Sud, impegnate in una complicata ma necessaria azione di valorizzazione dei talenti nonostante le scarse risorse a disposizione».

«La mia proposta di candidatura – aggiunge il prof. Maurizio Quinto, che è stato eletto al C.U.N. in rappresentanza dell’Area 03 (Scienze chimiche) - Professori Associati – è nata sulla scorta dell’esperienza triennale di presidente della sezione pugliese della Società Chimica Italiana, e delle altre cariche istituzionali che ricoperte durante il mio percorso professionale e scientifico: responsabilità che mi hanno permesso di confrontarmi con realtà locali, nazionali e anche internazionali, permettendomi di acquisire maggioreconsapevolezza delle nostre peculiarità ma anche delle nostre debolezze. Al di là del mio compito di rappresentanza, vorrei farmi portavoce in seno al C.U.N. di quelle istanze che sono particolarmente sentite dalle Università meridionali medio-piccole, e quindi anche dell’Università di Foggia. Per questo motivo mi dichiaro da subito disponibile ad accogliere proposte e osservazioni di tutti i colleghi, indipendentemente dal settore scientifico disciplinare di appartenenza, che possano essere argomento di discussione in seno a questo importante organo istituzionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento