Giovedì, 17 Giugno 2021
Attualità

Uno schiaffo a barbari e incivili. Rignano che si ama: "Chi non ha voglia di rispettare l'ambiente sarà punito"

Nei prossimi giorni - fanno sapere dall'amministrazione comunale - verranno istallate cinque fototrappole concesse gratuitamente dalla Regione Puglia, successivamente alla partecipazione del Comune ad un bando regionale - "così da iniziare a sanzionare pesantemente chi non ha voglia di far parte del mondo civile, quel mondo di cui la stragrande maggioranza della cittadinanza è felice di farne parte".

Rignano si prende cura di Rignano. Nel comune più piccolo della Montagna del Sole la giornata della legalità in onore di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a 29 anni dalla strage di Capaci, è stata dedicata alla pulizia del territorio. 

Queste le parole del sindaco Luigi Di Fiore e del consigliere comunale delegato Paky Longo: "Nonostante un televisore recuperato, non siamo rimasti a guardare. Anzi, ben presto ci siamo ritrovati, il tempo di fare colazione, dividerci in gruppi e poi dritti spediti ad offrire il proprio personale contributo all'amato, nostro paesino.

Proprio ieri, che ricorreva la commemorazione della strage di Capaci in cui vennero ammazzati il Magistrato Giovanni Falcone e la sua scorta, ieri che si è ricordato quanto faccia schifo l'inciviltà, l'illegalità e quanto sia bello il rispetto delle leggi, il vivere civile e la sana condivisione, il mondo delle associazioni e alcuni membri della nostra comunità si sono riuniti per dare un sonoro schiaffo a coloro che credono barbaramente che la natura possa diventare una pattumiera a cielo aperto.

Per fortuna gran parte di noi ritiene che la natura, invece, sia un patrimonio inestimabile da salvaguardare e da consegnare alla future generazioni immacolato, così come ci è stato donato. E lo abbiamo dimostrato con i fatti, tirandoci su le maniche e lavorando a testa bassa"

Il primo cittadino ha ringraziato l'Avis di Rignano Garganico, la ProLoco di Rignano Garganico, la Protezione Civile, la sezione locale del Corpo Forestale Volontario Esafplodvets, la Sima Ecologia e tutti i volontari, tra cui diversi giovani, intervenuti all'iniziativa 'Puliamo Rignano'.

Nei prossimi giorni - fanno sapere dall'amministrazione comunale - verranno istallate cinque fototrappole concesse gratuitamente dalla Regione Puglia, successivamente alla partecipazione del Comune ad un bando regionale - "così da iniziare a sanzionare pesantemente chi non ha voglia di far parte del mondo civile, quel mondo di cui la stragrande maggioranza della cittadinanza è felice di farne parte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno schiaffo a barbari e incivili. Rignano che si ama: "Chi non ha voglia di rispettare l'ambiente sarà punito"

FoggiaToday è in caricamento