Una panchina e le scarpe rosse delle vittime di tratta che dicono no alla violenza

L'iniziativa realizzata dalle donne vittime di tratta accolte nel progetto 'La Puglia non tratta'.

Hanno listato di rosso una panchina ed adagiato un paio di scarpe con il colore simbolo della violenza contro le donne. Lo hanno fatto in un centro della Capitanata occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” con l’obiettivo di sensibilizzare la comunità in cui vivono a riflettere su questo tema, alle varie forme che questo fenomeno si porta dietro. Violenza fisica, psicologica, verbale. Un’azione – simbolica – nata al termine di un confronto che le donne vittime di tratta oggi accolte nel progetto “La Puglia non tratta - Insieme per le vittime”, hanno avuto con le operatrici della cooperativa sociale Medtraining che in provincia di Foggia è ente gestore dell’iniziativa che punta ad assicurare alle persone vittime di tratta adeguate condizioni di alloggio, vitto, assistenza, protezione ed integrazione socio - lavorativa.

Durante l’incontro hanno parlato del problema, di come può manifestarsi la violenza, ragionato sul valore di questa Giornata ed alla fine hanno deciso di fare qualcosa. Di lasciare un segno che possa andare al di là dell’effetto visivo, ma che in qualche modo possa contribuire seriamente a riflettere sul fenomeno, che loro hanno drammaticamente vissuto sulla loro pelle in quanto vittime di tratta e di sfruttamento lavorativo. Il progetto "La Puglia non tratta - Insieme per le vittime", finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è promosso dalla Regione Puglia - Sezione Sicurezza del Cittadino, Politiche per le Migrazioni ed Antimafia Sociale - in collaborazione con sette enti anti tratta del territorio regionale: le cooperative sociali Medtraining (Foggia), Comunità Oasi2 San Francesco onlus (Trani), Atuttotenda (Maglie-Lecce), CAPS (Bari); le associazioni Giraffah! (Bari), Micaela (Adelfia-Bari), Comunità Papa Giovanni XXIII.

L’attività in provincia di Foggia

Nell'area territoriale della Capitanata - che comprende Monti Dauni, Tavoliere delle Puglie e promontorio del Gargano - l'intervento è realizzato dalla cooperativa sociale Medtraining. Dall'1 marzo 2019 al 31 maggio 2020 gli operatori del progetto, soprattutto attraverso il lavoro dell'unità mobile di strada, hanno effettuato 741 contatti, percorrendo in modo particolare i tratti della SS 16 dell'Alto Tavoliere e del Basso Tavoliere, della SS 89 che porta a Manfredonia, della SS 673 Circonvallazione di Foggia. Le beneficiarie incontrate durante il lavoro dell'unità di strada sono soprattutto donne, provenienti per la maggior parte da Paesi quali Bulgaria, Romania, Nigeria, che rappresentano l'80,6% delle beneficiarie contattate. Ma è stata registrata anche la presenza di donne di nazionalità Ucraina (1,9%), Colombia (1,6%), Albania (1,2%) e persino della Repubblica Dominicana. Oltre all'attività di primo contatto, il progetto prevede una serie di interventi finalizzati ad una presa in carico globale e all'accompagnamento verso un percorso di autonomia e di inserimento socio-lavorativo. Interventi, quindi, che spaziano dall'accoglienza abitativa ai servizi sanitari di base, dal disbrigo delle pratiche amministrative-burocratiche per la regolarizzazione all'integrazione linguistica, fino all'attivazione di tirocini lavorativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento