rotate-mobile

Gianni Pitta, l'imprenditore vitivinicolo e "operaio del cuore" di Lucera: "Così è nata la mia passione per l'arte"

Gli studi in architettura, poi l'impegno nell'azienda di famiglia e in fine la passione per l'arte e per i cuori.

Una passione smodata per la pittura e per l'arte in genere. Dopo la laurea in architettura a Milano, Gianni torna a Lucera per prendersi cura dell'azienda vitivinicola di famiglia.

Ma la sua passione per l'arte, nata durante gli anni di studi, non l'ha mai abbandonata. Inizia a dipingere le prime opere e nel 1996 le espone per la prima volta.

Una di queste rappresentava un cuore. Da lì è cominicata la sua passione per questo "simbolo pop per eccellenza", dalle linee semplici ma che si adatta a tutti i colori e a tutte le circostanze.

Ed è il cuore il perno della quasi totalità delle sue opere. Anche il sito e la sua galleria d'arte si chiamano 'Kekuore', brand creato nel 2014. E la sua passione l'ha migrata anche nell'azienda che cura con la sua famiglia, infatti le etichette dei vini che produce sono disegnate da lui. "Faccio l'operaio del cuore".

Video popolari

Gianni Pitta, l'imprenditore vitivinicolo e "operaio del cuore" di Lucera: "Così è nata la mia passione per l'arte"

FoggiaToday è in caricamento