Attualità

Donazione degli organi, male la Puglia: pesante bocciatura per Foggia e Manfredonia nella classifica 'Indice del dono'

Nella classifica generale delle Regioni, la Puglia si posiziona alla 16^ posizione (su 21) con un indice del dono del 48%. Mentre staccando il dato per province, il Foggiano si ritrova ancora in fondo alla classifica (107^ posizione) con una incidenza del 40,86%.

Immagine di repertorio

Pesante bocciatura per la città di Foggia (e il resto della provincia) in materia di donazione degli organi e dei tessuti, di cui ricorre oggi la giornata mondiale. Il capoluogo dauno, infatti, si posiziona ultimo in Italia nella classifica ‘Indice del Dono 2020 – I Comuni più generosi d’Italia’ che ogni anno viene redatta dal Centro nazionale trapianti dell’Istituto Superiore di Sanità.

Leggi il report completo

In cima alla classifica, nel segmento ‘Grandi città’ (con più di 100mila abitanti) spicca Sassari con un 'indice del dono' di 60,03/100, seguita da Livorno (59,02) e Trento (58,50). Maglia nera della classifica è, invece, proprio Foggia con un risicato 38,92. Prima del capoluogo dauno, vi sono Catania (40,36) e Reggio Calabria (41,43). Male anche Bari (49) che si posiziona nelle ultime 10.

Spostandosi nel segmento 'Città medio-grandi' (tra i 30 e i 100mila abitanti) le cose non cambiano perché in coda alla classifica c’è ancora il Foggiano. Questa volta è la città di Manfredonia (24,71) a fare da contraltare alla ‘regina’ Merano (con 64,01).

Nella classifica generale delle Regioni, la Puglia si posiziona alla 16^ posizione (su 21) con un indice del dono del 48%. Mentre staccando il dato per province, il Foggiano si ritrova ancora in fondo alla classifica (107^ posizione) con una incidenza del 40,86%. Di contro, la provincia più generosa è Nuoro con un indice del dono del 62,77%.

Sul pianto nazionale, le dichiarazioni complessive registrate nel sistema informativo trapianti "sono 8.677.294 di cui 6.459.596 consensi e 2.217.698 opposizione alla donazione di organi e tessuti”. Di queste 7.089.287 sono registrate in Comune, 187.774 registrate nelle Asl di competenza e 1.400.233 depositate all'Aido.

“L'Indice del dono - si legge nella nota metodologica che accompagna la classifica - fornisce una fotografia dell'impegno profuso dai Comuni italiani nella gestione complessiva del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti in occasione del rilascio della carta d'identità. Sono stati presi in considerazione i flussi di dati provenienti dal Sistema Carta Identità Elettronica (CIE) e registrati nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) tra il 30/11/2019 e il 31/10/2020”

Per ‘Indice del Dono’ si intende il dato, in centesimi, che viene elaborato tenendo in considerazione 3 parametri, a cui è stato applicato un peso specifico: percentuale delle dichiarazioni su carte d'identità elettroniche (CIE) emesse per popolazione maggiorenne (punteggio, 20); percentuale dei consensi su CIE emesse per popolazione maggiorenne (punteggio, 20); percentuale dei consensi sul totale delle dichiarazioni (punteggio 60).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donazione degli organi, male la Puglia: pesante bocciatura per Foggia e Manfredonia nella classifica 'Indice del dono'

FoggiaToday è in caricamento