Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando Foggia era Mondiale e faceva volare gli americani: qui è nata l'aeronautica militare più potente al mondo

'The Foggia Group, una storia straordinaria': Carmine De Leo racconta l'esperienza di 400 volontari americani giunti presso la scuola di volo 'Foggia Sud' per imparare a pilotare gli aerei

 

A Foggia, negli anni della Prima Guerra Mondiale, circa 400 giovani volontari aspiranti aviatori americani presero il brevetto da pilota presso la locale scuola di volo 'Foggia Sud'. A guidare la nascente aeronautica degli Stati Uniti D'America il maggiore Fiorello La Guardia, figlio di un musicista nato a Foggia e sindaco di New York per tre mandati.

The Foggia Group, una storia straordinaria, raccontata da Carmine De Leo,  ieri pomeriggio presso la Biblioteca Provinciale Magna Capitana dallo stesso autore, scrittore e giornalista; a poco più di cento anni dalla nascita dell'aeronautica militare più potente al mondo. 

Discorrere di questo straordinario pezzo di storia, aggiungendo come, in alcune lettere degli avieri americani ai loro famigliari, sono descritti in maniera entusiasta i cieli della Capitanata e l’azzurro del mare che la circonda, oltre a vie e trattorie della città di Foggia, ha suscitato l’interesse per la nostra città ed il suo territorio da parte di autorità diplomatiche, civili e militari.

I due volumi di Carmine de Leo, pubblicati anche con la traduzione in lingua inglese, sono ora conservati anche presso la Biblioteca del Congresso U.S.A e quella del Museo Nazionale Aerospaziale U.S.A ed in altre estere, oltre che nelle maggiori biblioteche locali e nazionali italiane ed hanno valso all’autore una medaglia del Dipartimento di Stato U.S.A ed i ringraziamenti a lui ed agli Amici del Museo Civico, di cui De Leo è presidente, per aver ricordato questi giovani piloti U.S.A.

Nel corso della serata Carmine de Leo ha illustrato, attraverso la proiezione di oltre un centinaio di documenti inediti ed immagini d’epoca, la storia di questi giovani aviatori americani a Foggia negli anni 1917-1918.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento